HomeNotizieCRONACAPirateria audiovisiva: condannato l'isernino 're del pezzotto'

Pirateria audiovisiva: condannato l’isernino ‘re del pezzotto’

La sentenza del tribunale di Campobasso, che ha visto come parti offese Sky e Amazon


CAMPOBASSO/ISERNIA. Due anni e 20 giorni di reclusione (pena sospesa) e multa da 15mila euro. Questa la condanna inflitta dal tribunale di Campobasso al 38enne della provincia di Isernia, ribattezzato il ‘re del pezzotto’, finito sotto processo per pirateria audiovisiva.

Pesanti le accuse nei confronti dell’imputato: è stato infatti chiamato a rispondere di truffa e immissione – attraverso Internet – di contenuti televisivi di proprietà sia di Sky che di Amazon.

L’inchiesta risale al 2020. L’isernino finì al centro dell’operazione ‘The Perfect Storm’ della Guardia di Finanza, che coinvolse ben 12 Paesi europei. 

Venne scoperta una maxi frode, attraverso la quale, servizi a pagamento come film e soprattutto partite di calcio venivano messi a disposizione di centinaia di utenti che, versando somme irrisorie, potevano accedere a contenuti che invece prevedono il pagamento di un abbonamento.

Proprio a partire da un filone di quell’inchiesta è scaturito lo scorso anno il processo a carico del 38enne.

Ad assistere una delle parti offese, il colosso Sky, è l’avvocato del Foro di Campobasso Giuseppe Fazio.

“Si tratta – ha spiegato il legale – del primo verdetto in Molise per questo tipo di reato e di uno dei primi in Italia. Costituirà pertanto un precedente nella giurisprudenza. Come parte offesa, attendiamo ora le motivazioni, che arriveranno entro 60 giorni”.

Più letti

Il Paleosuolo al Museo del Paleolitico di Isernia

Musei e luoghi di cultura in Molise aperti per il 25...

In occasione della Festa della Liberazione ingresso gratuito CAMPOBASSO-ISERNIA. Per il 25 aprile, Festa della Liberazione, e per le celebrazioni del 1 Maggio, festa dei...
spot_img
spot_img
spot_img