HomeNotiziePOLITICA & ATTUALITA'Niente Casa dello studente all’ex Roxy. Salvatore (Pd): “Si rischia la cementificazione...

Niente Casa dello studente all’ex Roxy. Salvatore (Pd): “Si rischia la cementificazione dell’area”

Le preoccupazioni esposte dal capogruppo regionale dem, dopo la risposta del governatore Roberti alla sua interrogazione


CAMPOBASSO. Nessuna Casa per lo studente all’ex Roxy. La capogruppo regionale del Pd lo rivela, anticipando il contenuto della risposta “giunta dopo settimane di attesa”, che il presidente della Regione, Francesco Roberti ha fatto all’interrogazione fatta dalla dem, in relazione all’immobile ed alla procedura Invimit.

Con la deliberazione n. 259/2023, chiarisce Salvatore, la Giunta regionale aveva disposto l’inserimento dell’ex-Hotel Roxy -acquistato per circa 6 milioni di euro dalla Giunta Iorio per destinarlo a sede della Regione Molise – nel Piano delle alienazioni immobiliari, distogliendolo dalla destinazione prevista e rendendolo bene ‘vendibile’. Scelta giustificata dalla maggioranza regionale di centrodestra, sulla scorta della opportunità di partecipare all’avviso, bandito dalla Invimit Sgr S.p.A., che avrebbe potuto selezionare l’immobile per destinarlo ‘prevalentemente a funzioni di student housing’.

“Abbiamo manifestato da subito le nostre gravi perplessità – ha dichiarato Alessandra Salvatore – non solo perché con la delibera citata si palesava la volontà di costruire la sede della Regione Molise sull’area dell’ex Romagnoli (che la città di Campobasso vuole, invece, destinata a parco urbano), ma anche perché, visto il bando, la destinazione a studentato non era vincolante per la stessa Invimit Sgr (la quale, avrebbe potuto utilizzare gli immobili acquisiti in maniera differente) e le condizioni dell’immobile (fatiscente e privo di impianti a norma) non erano conformi alle caratteristiche richieste”.

“Letta la risposta del Presidente Roberti, risulta evidente come le preoccupazioni dell’opposizioni erano del tutto fondate – ha aggiunto l’esponente del Pd – da un lato, con determinazione dirigenziale n. 22 del 26/01/2024, è stato approvato il bando di vendita dell’immobile ‘Ex-Hotel Roxy (pubblicato in data 07/02/2024 sul sito web della Regione Molise), dall’altro è pervenuta la nota PEC (prot. 18183 del 05/02/2024), in cui Invimit Sgr ha comunicato ufficialmente che “considerando le finalità dell’Avviso e le tempistiche della Procedura, la Sgr non ha incluso, al momento, l’Asset tra gli Immobili Target. Resta inteso che il vostro ente è da considerarsi liberato dagli obblighi e vincoli derivanti dalla manifestazione di interessi presentata in relazione all’immobile”.

“La Regione Molise, dunque, può vendere l’immobile a chi vuole e l’acquirente potrà fare dell’immobile e dell’area, su cui esso sorge, ciò che vuole.  Lo avevamo detto ed oggi ne abbiamo la prova – ha concluso Salvatore – Ragioneremo delle iniziative necessarie per mobilitare i cittadini contro le possibilità, che sono oggi aperte, di cementificazione sull’area dell’ex Romagnoli e di speculazione immobiliare sull’area dell’ex hotel Roxy, che deve essere recuperata ed utilizzata per il bene collettivo”.

Più letti

La nascita dell’Università del Molise, a Campobasso la presentazione del volume...

Il mezzogiorno e la questione universitaria: un'opera che consente di sottolineare come l'evoluzione dell'ateneo abbia impattato sullo sviluppo della regione CAMPOBASSO. Martedì 16 aprile, alle...
spot_img
spot_img
spot_img