CRONACA

Carta del docente, la sentenza: anche gli educatori ne hanno diritto

Il giudice del Lavoro del tribunale di Campobasso dà ragione alla Flc Cgil


CAMPOBASSO. Anche gli educatori, precari e di ruolo, hanno dritto alla Carta del docente. Lo ha sancito, di recente, una sentenza del giudice del Lavoro del Tribunale di Campobasso che – di fatto – dà ragione alla Flc Cgil.

“La Flc Cgil già dal 2015, anno di pubblicazione della L. 107 la ‘Buona Scuola’ – ricorda il sindacato in una nota –  aveva sempre affermato che la Carta docente, spettasse a tutto il personale, compreso quello educativo, e che la discriminazione tra personale docente a tempo determinato ed a tempo indeterminato, fosse illegittima.  Nonostante le mobilitazioni e le tante vertenze portate avanti in questi anni, il Governo con il decreto ‘salvainfrazioni’  ha dato solo parziale risposta alle nostre richieste, prevedendo che la card docente, oltre ai docenti di ruolo, debba essere corrisposta “anche ai docenti con contratto di supplenza annuale su posto vacante e disponibile” (contratto al 31 agosto).

Tale misura va nella giusta direzione ma è parziale in quanto esclude tantissimi precari che hanno la nomina al 30 giugno e tutto il resto del personale della scuola, educativo ed Ata

Per questo la Flc Cgil ha continuato a portare avanti specifiche vertenze finalizzate ad allargare il diritto alla carta docenti, nel rispetto delle indicazioni derivanti dagli atti dell’Unione Europea. Sono oltre 200 i lavoratori inseriti nei diversi  ricorsi presentati dai nostri legali avv.ti Mario Mariano e Marisa Biasella  presso i Tribunali di Campobasso, Isernia e Larino, e i giudici cominciano a darci ragione”

Infatti, con sentenza emessa lo scorso 19 aprile, il  Tribunale di Campobasso in funzione giudice del lavoro, conformandosi ai recenti orientamenti della Corte di Cassazione, ha riconosciuto in favore di dieci educatori l’importo complessivo di 21.500 euro, sostenendo che “il beneficio economico utilizzabile per l’acquisto di materiale o per la partecipazione ad iniziative utili all’aggiornamento professionale spetta anche al personale educativo, atteso che questo, seppur impegnato in una funzione differente rispetto a quella propriamente didattica e di istruzione, tipica del personale docente, partecipa al processo di formazione e di educazione degli allievi ed è soggetto a precisi oneri formativi”.

“Un sindacato confederale – evidenzia la Cgil nella nota – deve sempre individuare punti di equilibrio nell’interesse collettivo di una comunità e l’azione legale può accompagnare quella politica in funzione degli obiettivi da raggiungere. Per tutto questo continueremo a batterci per l’estensione dei diritti e del beneficio in questione a tutto il personale, ma se non arriveranno risposte immediate continueremo nelle vertenze predisponendo altri ricorsi.

Tutti gli interessati possono contattare le nostre sedi o inviare una mail a molise@flcgil.it per avere maggiori informazioni di dettaglio”.

Deborah

Recent Posts

Paura in centro: donna investita in via Garibaldi

Sul posto gli operatori sanitari del 118 CAMPOBASSO. Momenti di paura nel tardo pomeriggio di…

13 ore ago

No alla violenza sulle donne: l’Asrem in prima linea

A Isernia il percorso rosa di assistenza alle vittime. Il direttore generale Di Santo: “La…

14 ore ago

Edilizia scolastica, Marialuisa Forte illustra la sua proposta sulla ‘D’Ovidio’

L’intervento della candidata sindaca del centrosinistra, in vista dell’avvio dei lavori per la ricostruzione dell’istituto…

14 ore ago

Campobasso, ultima serata per la kermesse organistica di Amici della Musica

Si esibirà il giovane 23enne Maarten Wilmink con musiche di Bach, Vitone, Bruckner, Franck e…

14 ore ago

Comunali, arrivano i big di partito. Elly Schlein a Campobasso il 25 maggio

Per sostenere la candidatura di Marialuisa Forte e degli aspiranti consiglieri del Pd. Terza visita…

15 ore ago