Si è svolta la presentazione del libro di Domenico Vacca, già autore con l’Università degli studi di L’Aquila del contributo sulla gestione dell’edilizia storica


CASTELPETROSO. Nell’atmosfera suggestiva e ricca di storia del borgo medievale di Castelpetroso, si è svolto ieri pomeriggio 12 Maggio, la presentazione del libro “Castrum Petrosum” dell’autore Domenico Vacca. L’evento, che ha attirato appassionati di storia locale e cultura, è stata un’occasione per immergersi nel passato affascinante di questo luogo. Il libro di Domenico Vacca, ingegnere già autore con l’Università degli studi di L’Aquila del contributo sulla gestione dell’edilizia storica, è un’opera che propone una prospettiva nuova e coinvolgente del luogo approfondendo e valorizzando il patrimonio architettonico, storico e culturale di Castelpetroso. Durante l’evento, l’autore ha illustrato il lungo processo di ricerca che ha preceduto la stesura del libro, evidenziando l’importanza di preservare per le generazioni future la memoria storica ed identitaria di Castelpetroso. Le pagine di “Castrum Petrosum” offrono un viaggio affascinante attraverso le vicende, le testimonianze architettoniche presenti e le personalità del posto in una lunga carrellata storica che spazia dall’epoca sannita, medievale fino ai giorni nostri.

La partecipazione del sindaco Michela Tamburri e del presidente della Proloco Davide Cifelli ha sottolineato l’impegno delle istituzioni locali nel valorizzare e promuovere il patrimonio culturale del territorio. Entrambi hanno espresso il loro plauso per l’opera di Domenico Vacca e hanno ribadito l’importanza di iniziative culturali come questa per rafforzare il legame tra la comunità e le proprie radici storiche.

Al termine della presentazione, moderata dall’Ing Barbara Fraticelli, i partecipanti hanno avuto l’opportunità di incontrare personalmente l’autore, discutere con lo stesso ed ottenere una copia autografata del libro. L’evento si è concluso degustando antichi sapori della tradizione accompagnati da un brindisi alla cultura e alla storia di Castelpetroso, augurando che iniziative come questa possano continuare a celebrare e preservare l’eredità di questo luogo unico nel cuore della nostra antica regione.