Nella sede di Campobasso celebrata l’assemblea del Centro di servizio: eletti anche 10 consiglieri. Tra gli obiettivi: aumentare ulteriormente l’impatto sociale della struttura


CAMPOBASSO. Continuità e innovazione sono le due direttrici che guideranno il terzo mandato di Gian Franco Massaro da presidente del CSV Molise. Riferimento del Terzo Settore molisano, per 12 anni al vertice della Federazione internazionale delle organizzazioni di sangue (FIODS) di cui ora è presidente onorario, per lungo tempo al timone anche dell’Avis Molise, Massaro è stato riconfermato al termine dell’assemblea elettiva celebrata nella sede di Campobasso del Centro di servizio per il volontariato.

Appena rientrato da Tirana, dov’è stato ospite del ministro della Salute albanese per la giornata internazionale del donatore di sangue, il presidente Massaro è stato eletto all’unanimità dai soci e ha avviato il nuovo percorso illustrando le linee programmatiche dei prossimi quattro anni. 

«Sono orgoglioso e felice di questa unanimità e posso dire che da oggi inizia il mandato della visione – il suo commento -. Siamo riusciti sempre a dare risposte immediate ed efficienti alle associazioni e insieme ai volontari abbiamo affrontato un momento critico qual è stato quello della pandemia da Covid-19. Questo modo di agire e di essere presenti ci ha premiato. Le associazioni vedono in noi un riferimento per normative, formazione, comunicazione e le istituzioni hanno un’ottima considerazione del CSV, anche se sono certo che arriverà da parte loro un segnale positivo, utile a dare la giusta riconoscenza a chi opera quotidianamente sul territorio in forma volontaria e gratuita. Valuteremo maggiormente l’impatto sociale del CSV Molise, ascoltando ulteriormente le persone e garantendo la professionalità di sempre. Gli accordi che abbiamo stretto con enti, istituzioni e con gli altri Centri di servizio saranno consolidati e perseguiremo sempre quello che è il nostro primo obiettivo: promuovere e sostenere il volontariato. Auguro a tutti buon lavoro».

L’assemblea ha eletto anche i 10 componenti del consiglio direttivo del CSV Molise: Piero Petrecca, tesoriere di CSVnet, l’associazione nazionale che coordina i 49 CSV italiani, per anni direttore del Cesvip, Michele Di Domenico, dirigente e donatore dell’Avis, in campo da decenni per diffondere la cultura della donazione, Mario Rosario D’Apice, altra figura storica del volontariato molisano, da poco eletto vicepresidente della Commissione di Parità della Regione Molise, Luigi Lucchese, presidente di Ambiente Basso Molise, in campo ogni giorno per l’educazione alla tutela della biodiversità, Flaviano Alfieri, vicepresidente vicario del CSV Molise e presidente dell’Avis di Santa Croce di Magliano, associazione che ha celebrato quest’anno i suoi 25 anni, Roberto Ferrante, volontarioimpegnato in molti ambiti del Terzo Settore e presidente dell’associazione Le due torri, Giuseppe Vaccaro, esperto di formazione e presidente dell’associazione InFormare con cui ha dato vita a numerosi progetti, Maria Antonella Perrotta, presidente di ActionAid Molise, attiva nella tutela dei diritti e nella promozione della cultura, Hanen Gzaiel, presidente dell’associazione Salam, che ha dedicato la sua vita alla diffusione del valore dell’interculturalità, Carmine Venditti, presidente dell’associazione Giovani diabetici molisani che, tra le altre cose, ha promosso e realizzato la ludoteca dell’ospedale Cardarelli di Campobasso.

Gli eletti rimarranno in carica per quattro anni, quindi fino al 2028.

Eletti anche i componenti degli Organi di controllo Antonio Capasso e Alessandra Di Battista e i membri del Collegio dei Garanti Francesco Fusco, Patrizia Pano e Loredana Albertario.