La sindaca Marialuisa Forte ha convocato oggi la riunione. Il centrodestra tenterà di eleggere un proprio rappresentante, con la maggioranza impegnata a trovare l’accordo sulla squadra di governo. Che almeno in prima battuta sarà più ‘snella’


di CARMEN SEPEDE

CAMPOBASSO. Nuovo Consiglio comunale di Campobasso, si parte. La sindaca Marialuisa Forte nella giornata di oggi, 5 luglio, ha convocato per venerdì 12 luglio, a partire dalle 8.30, la prima seduta dell’assise civica, con eventuale seduta di seconda convocazione per lunedì 15 luglio, ultimo giorno utile, visto l’art. 40 comma 1 del d. lgs. 267/2000, il quale dispone che il Consiglio neo eletto deve essere convocato dal sindaco nel termine perentorio di dieci giorni dalla proclamazione dei Consiglieri eletti. E deve tenersi entro dieci giorni dalla data di convocazione.

Una seduta molto attesa, che si aprirà con la convalida degli eletti e la surroga dei consiglieri che entreranno al posto degli assessori. Seguirà il giuramento della sindaca e l’elezione del presidente del Consiglio e del vice presidente vicario. Il momento più atteso.

La minoranza di centrodestra, numericamente maggioranza con 17 consiglieri eletti, tenterà di eleggere un proprio rappresentante. Che non sarà, a quanto sembra, il candidato sindaco Aldo De Benedittis, opzione che era emersa in prima battuta e che è stata poi esclusa. Centrosinistra e Cantiere civico, con 16 consiglieri (compreso la sindaca Forte), sulla carta non hanno i numeri per votarsi il presidente. Salvo colpi di scena (cambi di casacca o assenze alla riunione) in politica sempre possibili.

Dopo l’elezione del presidente del Consiglio prenderà la parola nuovamente Marialuisa Forte. Questa volta per indicare la composizione della Giunta. Che difficilmente sarà fin dall’inizio a nove assessori. Ma che dovrebbe essere più ‘snella’, a sei o sette amministratori, per essere poi integrata, da qui a qualche settimana o qualche mese.

I nomi in pole position sono quelli già emersi nei giorni scorsi, Giose Trivisonno, Bibiana Chierchia e Anna Trivisonno o Lello Bucci per il Pd, Simone Cretella e Luca Praitano, con l’alternativa Pina Panichella nel M5s, Mimmo Maio per l’Alleanza Verdi e Sinistra. Per i civici Pietro Colucci, Vincenzo De Iasio e Giovannino Cornacchione. Da capire chi entrerà in prima battuta, con le riunioni politiche nei partiti, in maggioranza e con la sindaca Forte che continuano. E che presumibilmente andranno avanti fino alla prossima settimana, quando si attendono i decreti di nomina degli assessori.

La seduta si completerà con la presa d’atto della composizione dei gruppi consiliari, la nomina della Commissione elettorale comunale e la convalida dell’elezione del consigliere comunale straniere aggiunto, che potrà partecipare alle sedute del Consiglio comunale, intervenire e fare proposte. Ma senza diritto di voto.