Clima da stadio per Roberto Gravina: la festa di Campobasso per il nuovo sindaco

Clima da stadio per Roberto Gravina: la festa di Campobasso per il nuovo sindaco

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Con il 69,07% di preferenze il candidato del M5s ha travolto Maria Domenica D’Alessandro, candidato del centrodestra, ferma al 30,93%


di CARMEN SEPEDE

CAMPOBASSO. Una festa. Della città e non solo dei candidati e dei sostenitori del M5s. Via Nobile bloccata per l’arrivo di Roberto Gravina, il nuovo sindaco di Campobasso con quasi il 70% di preferenze. L’arrivo, nel quartier generale dei Cinque stelle, dopo la mezzanotte. Tra cori da stadio e tappi di spumante che saltano. L’abbraccio con il padre, con i portavoce regionali e con i vecchi e i nuovi consiglieri comunali.

Poi il fuoco di fila delle domande dei giornalisti, per il tramite dei quali lancia un messaggio di ringraziamento al sindaco uscente Antonio Battista. Che ricambia facendogli gli auguri e i complimenti. “Ragazzi sono emozionato, non posso negarlo – le prime parole – non mi aspettavo che la forbice fosse così ampia. E’ stata una grande vittoria, mi sento davvero responsabile e lo devo a tutti i campobassani. Un consenso così ampio deve meritare un rispetto totale. Sarò un sindaco votato all’ascolto. Del resto lo avevamo messo nel programma”.

La Giunta, lo aveva già anticipato, sarà snella: 4 assessori, almeno nella prima fase, tra loro con tutta probabilità anche un tecnico. “Siamo venti persone del M5s – il neo sindaco ha subito messo i puntini sulle i – per questo mi aspetto una totale condivisione da parte del Consiglio delle scelte che farò, a partire dalla Giunta”. La quota rosa? “Di sicuro, visto che la mia lista è già ricca di donne”.

Gravina unico candidato del M5s arrivato al secondo turno e vincitore senza appello del ballottaggio. Una vittoria che pesa anche sul rapporto di forza tra Cinque stelle e Lega, partito quest'ultimo della sfidante del centrodestra Maria Domenica D'Alessandro, sconfitta sonoramente a Campobasso. “Il peso della responsabilità lo sento eccome - la sua riflessione – così come l’attenzione dei vertici nazionali del Movimento nei miei confronti, tanto più che Campobasso è una città capoluogo. E’ prematuro dire che è un risultato che potrà avere dei riflessi sul piano nazionale, ma sono sicuro che se ne parlerà. E poi fatemelo dire, è il risultato frutto di un lavoro di 5 anni di un'opposizione concreta e di proposte". 

Gravina che ha raccolto i voti del centrosinistra, oltre alle uscite ufficiali ci sono stati gli endorsement personali degli esponenti del Pd e delle altre liste dello schieramento. Ma che di certo ha racimolato voti anche dal centrodestra. E la forbice così ampia con la sfidante lo dimostra.

Ma intanto si pensa a cosa  fare subito. “La prima cosa è una banalità – l"annuncio del nuovo primo cittadino – subito innaffiare gli oltre 300 alberi che sono stati piantati, per evitare di metterli a rischio con questo caldo. Poi la demolizione del Roxy e la programmazione di una serie di interventi. Ma vorrei che si partisse dalle piccole cose”.

Politica

Altri Articoli

Cronaca

Altri Articoli

Cultura

Altri Articoli

Meteo

Altri Articoli

Video

Altri Video
Watch the video

Sport

Altri Articoli

Lavoro

Altri Articoli

Foto Gallery

Altri Articoli

Gli auguri di isNews negli scatti di Pino Manocchio TRIVENTO. In 30 scatti mozzafiato, che ne riprendono ogni sfumatura cromatica, l'albero...
Visite: 18670

GUARDA LA FOTOGALLERY DI PINO MANOCCHIO ISERNIA.  Il rombo dei motori del Cavallino e il rosso che infiamma colorano un'assolata domenica in centro...
Visite: 38964

Il ricordo dall’archivio fotografico di Antonio De Vito ISERNIA. Sono trascorsi ben 48 anni dalla nascita della Provincia di Isernia, istituita il 3...
Visite: 50200

Foto a cura di Pino Manocchio. Diritti riservati. 
Visite: 73955
Privacy Policy