Pedofilia a Belmonte, vent'anni per gli imputati: oggi la condanna per l'agricoltore

Pedofilia a Belmonte, vent'anni per gli imputati: oggi la condanna per l'agricoltore

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
[caption id="attachment_13039" align="alignleft" width="250"]Tribunale di Isernia Tribunale di Isernia[/caption]

ISERNIA. Il tribunale di Isernia conferma la mano pesante nei confronti dei due fratelli di Belmonte del Sannio, uno agricoltore, l'altro pastore, accusati di abusi sessuali sui tre nipoti, all'epoca minorenni. Oggi arriva la sentenza che vede l'agricoltore condannato per violenza sessuale aggravata e la madre dei bambini per concorso omissivo nel medesimo reato. Il collegio giudicante ha anche condannato ciascuno degli imputati ad una provvisionale di 70mila euro nei confronti di ciascuna vittima. Il tribunale di Isernia, nel marzo del 2011 aveva già condannato l'altro fratello, il pastore e ancora una volta la donna, infliggendo pene durissime: per l'uomo 20 anni di reclusione per il reato di violenza sessuale, per la donna 14 anni per favoreggiamento. All'epoca l'accusa chiese pene più lievi, 9 anni per la madre e 11 per l'uomo ma con soddisfazione degli avvocati di parte civile, Lucio Epifanio e Alfonso Tagliamonte, le condanne furono ben più aspre. Questi ultimi, inoltre, chiesero al pastore un risarcimento danni per un milione di euro, i giudici, tuttavia, lo condannarono al pagamento di una pena pecuniaria pari a 100mila euro. A denunciare agli assistenti sociali le violenze subite da parte degli zii paterni, all'epoca di 60 e 64 anni, furono un bambino di 12 e la sorellina di 9 anni, rimasti orfani del padre. La famiglia viveva in condizioni igieniche precarie e per questo riceveva assistenza domiciliare. Gli abusi cominciati nel 2006 e durati all'incirca un anno e mezzo riguardarono anche il fratellino minore di soli 7 anni. Oggi gli avvocati della difesa, per l'anziano Marco Zanna e Andrea Bucci e per la madre l'agnonese Francesco Del Basso, hanno già annunciato il ricorso in appello.

VD

Privacy Policy