Carpinone: chiude la stazione, protestano i sindacati

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

La sua dismissione entro il 2014 sancirebbe la fine della tratta per Sulmona. Cgil e Cisl, intanto, hanno richiesto l’intervento di Nagni

CARPINONE. Verrà dismessa entro il 2014, la stazione ferroviaria di Carpinone. “La sua chiusura determinerà anche la sospensione definitiva della linea Carpinone-Sulmona e la mancata continuità con la tratta principale Campobasso-Roma-Napoli”, spiega il sindacalista di Cgil e Cisl, Giorgio Simonetti. Senza contare, poi, che alcuni lavoratori Fs rimarranno a casa. I sindacati, perciò, si sono rivolti all’assessore ai Trasporti, Pierpaolo Nagni, per richiedere un intervento da parte della Regione. Stando alle numerose lettere di lamentele degli utenti per i disservizi che quotidianamente riscontrano nella fruizione dei servizi ferroviari, fino ad ora l’attenzione da parte dei vertici è mancata totalmente. I sindacati, dunque, hanno richiesto la possibilità di aprire un tavolo tecnico con la partecipazione delle società del Gruppo Fs, di altre eventuali società di trasporto su ferro delle Regioni Abruzzo e Molise, della autorità competenti di entrambe le regioni, delle associazioni di consumatori e dei sindacati stessi. Dopo la disponibilità annunciata da Trenitalia di una riapertura parziale della tratta Sulmona-Carpinone, la speranza è che Rete Ferroviaria Italiana, società del Gruppo Fs, torni sui suoi passi in merito alla chiusura della stazione di Carpinone.

VD

Change privacy settings