Furti, droga e ricettazione: 14 denunce dei carabinieri

Furti, droga e ricettazione: 14 denunce dei carabinieri

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Operazione a tappeto nei comuni della provincia d'Isernia

 

ISERNIA. Nell’ambito di una vasta operazione coordinata dalla Legione carabinieri Molise e condotta dal Comando provinciale di Isernia, negli ultimi giorni, quattordici persone sono finite nei guai per reati che vanno dal furto alla ricettazione, dalla detenzione illegale di sostanze stupefacenti alla contraffazione, dalle violazioni alle norme in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro a quelle igienico-sanitarie. Ad agire i militari delle Stazioni e dei N.O.R. delle Compagnie di Isernia, Venafro e Agnone, in collaborazione con il personale del Nucleo Investigativo, del Nucleo Ispettorato del Lavoro e del Nucleo Antisofisticazione e Sanità. A Venafro, un 60enne ed un 50enne, entrambi della provincia di Campobasso, sono stati denunciati per il furto di oltre quattro quintali di mele asportate all’interno di un deposito di prodotti ortofrutticoli. I due avevano già caricato la merce su un furgone quando sono stati bloccati dai Carabinieri che hanno recuperato l’intera refurtiva. A Monteroduni, un 20enne del luogo è stato denunciato per detenzione illegale di sostanze stupefacenti essendo stato trovato in possesso di un involucro contenente due grammi e mezzo di hashish. La droga è stata sottoposta a sequestro mentre continuano le indagini per accertare se lo stupefacente era per uso personale o se destinato alla attività di spaccio. Ancora a Venafro un 19enne del luogo, è stato denunciato perché sorpreso alla guida della propria autovettura in stato di ebbrezza dovuta alla assunzione di sostanze stupefacenti. Per il giovane è scattato anche il sequestro del veicolo ed il ritiro della patente di guida. Sempre a Venafro un 23enne del posto è stato denunciato per ricettazione, in quanto trovato in possesso di una sella da cavallo, del valore di circa trecento euro, rubata ad un allevatore del luogo. La refurtiva è stata recuperata e sottoposta a sequestro. A Sesto Campano un 50enne della provincia di Caserta è stato denunciato per commercio di merce contraffatta e ricettazione, in quanto sorpreso con capi di abbigliamento destinati alla vendita, con marchi contraffatti, nonché due quadri raffiguranti immagini sacre, di provenienza furtiva. Tutto il materiale rinvenuto è stato sottoposto a sequestro. A Venafro un 40enne di Napoli è stato denunciato per uso di atti falsi, in quanto alla guida della propria autovettura, è stato trovato in possesso di contrassegno e contratto assicurativo palesemente falsi. Sia il veicolo che la documentazione sono finiti sotto sequestro. A Macchiagodena, una 40enne del posto è stata denunciata per abusivismo edilizio, avendo realizzato un fabbricato da adibire ad uso abitativo, in assenza delle prescritte concessioni edilizie. La struttura è stata sottoposta a sequestro. Ad Agnone, un 20enne del posto è stato denunciato per guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, anche per lui è scattato il sequestro del veicolo ed il ritiro della patente di guida. Ancora ad Agnone il titolare di un’impresa edile è finito nei guai per inosservanza all’interno di un cantiere delle norme vigenti sugli infortuni sui luoghi di lavoro ed in materia di tutela della salute, della sicurezza e della regolarità occupazionale dei lavoratori. Stessa sorte è toccata ad altri due titolari di imprese edili in cantieri ubicati nei territori dei Comuni di Isernia e Sesto Campano. Per mancanza dei requisiti igienico-sanitari sono inoltre finiti nei guai i proprietari di due ristoranti ubicati rispettivamente ad Isernia e Venafro, nei confronti dei quali si è proceduto a porre sotto sequestro i magazzini adibiti a deposito di derrate alimentari. Nel corso delle operazioni sono stati inoltre effettuati controlli nei confronti di trenta persone attualmente sottoposte agli arresti domiciliari o a misure di prevenzione, mentre durante posti di blocco istituiti lungo le arterie principali dell’intera provincia sono stati eseguiti accertamenti su 264 veicoli in transito e identificate 348 persone.

Privacy Policy