Rifiuti tossici, presto l'esame dei siti sospetti

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Stamani terzo tavolo tecnico in prefettura sull'emergenza ambientale in provincia d'Isernia. Dopo aver individuato le probabili zone dei rifiuti sotterrati, si procederà all'esplorazione tecnica delle località

 

ISERNIA. L'offensiva contro l'emergenza ambientale in provincia d'Isernia giunge alla fase operativa. Stamani - dopo il terzo tavolo tecnico convocato dal prefetto Filippo Piritore in presenza di un rappresentante della Regione Molise, su delega dell'assessore all'Ambiente Vittorino Facciolla, del comandante della polizia provinciale, dei sindaci dei Comuni di Isernia, Venafro, Sesto Campano e Pozzilli, tutte le forze dell'ordine presenti sul territorio, del rappresentante dell'Arpa Molise e dell'Asrem - sono state esaminate le schede di alcuni siti della provincia, relative a rilievi eseguiti con le diverse strumentazioni utilizzate dalle forze dell'ordine ai fini del controllo del territorio, precedentemente individuato attraverso specifiche mappe. Nel corso della riunione il dottor Marco Marchetti, rappresentante dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, ha evidenziato la rapidità della procedura messa in atto dalla prefettura e dalla procura della Repubblica di Isernia. La tempestività delle azioni messe in campo ha permesso di passare, nel giro di in un mese, dalla fase della individuazione dei probabili siti dei rifiuti sotterrati, alla esplorazione tecnica delle località stesse, che dovrebbe avere luogo nei prossimi giorni. Tale fase, delicata ed importante, mira ad accertare 1'effettiva presenza dei rifiuti in questione nelle diverse località già individuate ad oggi. Fondamentale in questo momento è la forte organizzazione e la sinergia di tutte le componenti presenti al tavolo tecnico, al fine di giungere ad una analisi completa del territorio e alla individuazione delle diverse possibili soluzioni da adottare, in caso di presenza di rifiuti tossici. Tutto ciò appare fondamentale ai fini della rivalutazione del territorio e della corretta informazione utile per la salute dei cittadini e per la salvaguardia delle attività produttive presenti nella provincia.

Change privacy settings