‘Operazione corso Garibaldi’: opere d'arte negli edifici 'vuoti' di Isernia

‘Operazione corso Garibaldi’: opere d'arte negli edifici 'vuoti' di Isernia

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

La proposta di Elio Franceschelli al Comune: una mostra temporanea lungo il corso principale, che impreziosisca gli immobili abbandonati e l'intero capoluogo

ISERNIA. Una mostra temporanea nei numerosi edifici ‘inoccupati’ del corso. E' quanto proposto da Elio Franceschelli, noto artista di Gallo Matese e isernino d'adozione, già ex assessore alla Cultura del Comune di Isernia, all'attuale assessore comunale al ramo, Cosmo Galasso, per la valorizzazione di Corso Garibaldi. Franceschelli vuole utilizzare le opere d’arte ‘archiviate’ nel Liceo artistico della città per allestire l'originale esposizione. In vetrina finirebbe il prezioso materiale dell’istituto d'arte 'Manuppella', col risultato di creare un percorso espositivo che restituisca decoro alla città e che impreziosisca gli edifici abbandonati e la citta intera.

Nel video pubblicato sul suo blog (www.ispop.tv), Franceschelli si rivolge direttamente all’attuale assessore alla Cultura, che lo avrebbe contattato privatamente per chiedergli un parere sull’auditorium. Dopo aver chiarito i motivi del suo rifiuto a colloquiare con qualsiasi esponente dell’amministrazione comunale – preferisce, infatti, interagire in maniera trasparente e pubblica – l'artista annuncia che si pronuncerà sulla questione della struttura in corso Risorgimento attraverso un video che pubblicherà nei prossimi giorni sul suo sito.

Franceschelli, dunque, esprime la sua totale disponibilità a curare l''Operazione Corso Garibaldi' - questo il nome assegnato al progetto dall'artista - qualora l’assessore accolga la sua proposta. Un’iniziativa che potrebbe giovare a molti: cittadini, provincia, studenti e negozianti del corso.

Potete consultare il video pubblicato oggi su ispop.tv al seguente link: http://www.ispop.tv/caffesitos/466-caro-assessore-alla-cultura/.

Nunzia Fiacchino

Privacy Policy