Campobasso: ruba il bancoposta e poi va a prelevare, arrestato ladro di professione

Campobasso: ruba il bancoposta e poi va a prelevare, arrestato ladro di professione

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il 40enne, noto alle forze dell'ordine, ha provato inutilmente a coprire il volto per sfuggire alle telecamere di sorveglianza dell'ufficio postale. E' stato arrestato oggi da Carabinieri di San Giuliano 

 

CAMPOBASSO. Nelle prime ore del mattino, i Carabinieri della Stazione di San Giuliano del Sannio, comandati dal Luogotenente Neosi, con l'ausilio di militari dell'aliquota Radiomobile di Campobasso, hanno tratto in arresto Michele Bocchetti, 40enne, ladro di professione.
L'uomo, il 31 dicembre dello scorso anno, nei pressi del cimitero di San Giuliano, ha asportato, da una macchina in sosta in  un parcheggio, una borsa contenente denaro contante ed un bancoposta.
Non contento del bottino, Bocchetti, frugando meglio nella borsa, è riuscito a trovare il pin del bancoposta e, una volta raggiunta la città di Campobasso, luogo di residenza, ha effettuato un prelievo presso un ufficio postale dove, al fine di eludere le telecamere del circuito di videosorveglianza, si è nascosto con un cappuccio ed una sciarpa.
A seguito della denuncia, immediatamente i militari dell'Arma hanno avviato tutta una serie di attività d'indagine che hanno portato all'acquisizione delle riprese delle telecamere dell'ufficio postale e la successiva visione delle immagini, che ha permesso ai Carabinieri di San Giuliano di riconoscere immediatamente Bocchetti, soggetto già noto alle forze dell'ordine, quale autore del reato.
Pertanto, in accordo con l'autorità giudiziaria, è stata effettuata una perquisizione domiciliare a casa dell'arrestato, nella quale sono stati rinvenuti e posti sotto sequestro gli indumenti indossati dal ladro mentre effettuava il prelievo.
Per tale motivo è stata inoltrata una denuncia alla competente autorità giudiziaria che, condividendo appieno le risultanze investigative dei militari dell'Arma, ha richiesto l'emissione di una misura cautelare al Gip del tribunale di Campobasso che, letta la richiesta del P.M., ha emesso senza dubbi. Bocchetti è ora sottoposto al regime degli arresti domiciliari.

Privacy Policy