Abbandono di rifiuti: a Isernia fioccano le prime sanzioni

Abbandono di rifiuti: a Isernia fioccano le prime sanzioni

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

L’assessore Chiacchiari: “Avvisi per mesi. Spiace per chi è stato multato, ma non farlo sarebbe stato ingiusto verso chi rispetta le regole”


ISERNIA. Giro di vite sul tema ambiente: in questi giorni, i carabinieri forestali di Isernia stanno notificando le sanzioni amministrative per chi ha violato le regole, abbandonando immondizia e rifiuti in modo incivile e in luoghi dove non è consentito. Utilizzando le documentazioni fotografiche, sono già stati individuati non pochi trasgressori. Le zone in cui avvengono maggiormente gli abbandoni di rifiuti sono quelle periferiche. Si lasciano materiali d’ogni genere, lontano dai contenitori e dalle aree destinate al conferimento.

“Come ho più volte affermato – ha dichiarato l’assessore comunale all’ambiente Domenico Chiacchiari – i controlli vengono regolarmente eseguiti. Gli uomini dei Carabinieri-Forestale, attraverso le immagini catturate con le fototrappole a sensori, hanno accertato diverse violazioni. A scopo preventivo, ho ripetuto per mesi che si sarebbe proceduto a sanzionare i trasgressori, ma non tutti hanno inteso ascoltare gli avvertimenti. Spiace per coloro che sono stati multati, soprattutto in un periodo di recessione economica; però non farlo sarebbe stato ingiusto verso quei cittadini che rispettano le regole”.

Un rispetto necessario per un corretto conferimento dei rifiuti, che significa contribuire a migliorare la filiera del riciclo e del riuso, con benefici per l'ambiente, le persone e l'economia. Ma anche mettersi al riparo da multe salate che, a quanto sembra puntualmente, arrivano: sanzioni che possono variare da 50 a 300 euro.

PR

Unisciti al nostro gruppo Whatsapp per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del quotidiano isNews: manda ISCRIVIMI al numero 3288234063

 

L’assessore Chiacchiari: “Avvisi per mesi. Spiace per chi è stato multato, ma non farlo sarebbe stato ingiusto verso chi rispetta le regole”
Privacy Policy