Rapina alla farmacia, già beccato il responsabile: agli arresti un 26enne con problemi di droga

Rapina alla farmacia, già beccato il responsabile: agli arresti un 26enne con problemi di droga Rapina alla farmacia, già beccato il responsabile: agli arresti un 26enne con problemi di droga
Watch the video

Rapina alla farmacia, già beccato il responsabile: agli arresti un 26enne con problemi di droga

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Campobasso/ Operazione della polizia Danni al locale e poche centinaia di euro il bottino, che il giovane voleva utilizzare per rifornirsi di sostanze stupefacenti (guarda il video)


CAMPOBASSO. Si era presentato alla farmacia di via Calabria a Campobasso poco prima delle 13 di ieri, in compagnia di un amico tossicodipendente, con il pretesto di acquistare aghi e siringhe, ma realisticamente con l’intenzione di studiare la struttura del locale (che si trova nelle vicinanze della Statale 17 in direzione di Foggia) e capire come agire indisturbato. Come avrebbe fatto da solo poche ore dopo, intorno alle 16, per procurarsi il denaro necessario per rifornirsi della sostanza di cui era dipendente. Si tratta del 26enne M.M., residente a Ripalimosani a pochi chilometri dal capoluogo, arrestato nella serata di ieri mentre rincasava senza sospettare nulla e dopo aver occultato lo scooter – la cui targa è risultata inesistente, come appurato dalla denuncia della farmacista che al momento della rapina è fuggita dal retro del locale riuscendo a dare l’allarme mentre il giovane prelevava poche centinaia di euro dalla cassa – nei pressi di un casolare di una campagna vicina, dagli uomini della Squadra Mobile, in collaborazione con la Squadra Volante della Polizia di Campobasso.

È il passaggio centrale della ricostruzione della vicenda da parte del vice Questore aggiunto e dirigente della Squadra Mobile di Campobasso, Raffaele Iasi (GUARDA IL VIDEO), durante la conferenza stampa che si è svolta in mattinata nei locali di via Tiberio. Al momento, il 26enne – incensurato, ma già segnalato alle autorità competenti per il consumo di droga – si trova nel carcere di via Cavour a disposizione del pm di turno e rischia da quattro anni in su di reclusione per le aggravanti dei futili motivi, del possesso di coltello con 5 cm di lama e del passamontagna integrale con cui ha minacciato la farmacista, che è a tutti gli effetti un’incaricata di pubblico servizio.

L’operazione ‘Take Away’ mira a contrastare il sempre fiorente mercato delle sostanze stupefacenti, che conquista purtroppo anche larghe fette tra giovani e minori nelle scuole. A questo proposito, il questore Caggegi ha ricordato che è possibile segnalare, anche in maniera anonima, episodi e abusi di cui si è testimoni scaricando gratuitamente l’App “You Pol” che, grazie alla geolocalizzazione, consente alle Forze dell’Ordine di giungere immediatamente sul posto.

“L’episodio della farmacia di via Calabria – ha inoltre sottolineato il questore – ne è un sottoprodotto ed è molto più di un semplice allarme sociale nei confronti di un fenomeno che intacca le menti sane di minori e giovani, i quali entrano inevitabilmente nella spirale delle dipendenze che mettono a repentaglio la loro vita e quella delle loro famiglie”.

Antonio Di Monaco

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063 e invia ISCRIVIMI

Privacy Policy