IL VIDEO - L'Arma dei carabinieri compie 204 anni: l'intervento del generale Michele Sirimarco

IL VIDEO - L'Arma dei carabinieri compie 204 anni: l'intervento del generale Michele Sirimarco IL VIDEO - L'Arma dei carabinieri compie 204 anni: l'intervento del generale Michele Sirimarco
Watch the video

IL VIDEO - L'Arma dei carabinieri compie 204 anni: l'intervento del generale Michele Sirimarco

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

CAMPOBASSO. La cerimonia per il 204esimo anniversario della nascita dell'Arma dei carabinieri si è aperta con l'intervento del generale di brigata Michele Sirimarco, comandante della Legione Abruzzo e Molise, che ha ricordato i valori fondanti della Benemerita, istituzione che porta in alto il nome del Paese nel mondo difendendone gli ideali e i principi. Numerose le presenze di sindaci e amministratori, su tutti il governatore del Molise Donato Toma.

Questo il saluto del presidente della Regione per l'occasione: "Duecentoquattro anni, ma non li dimostra. Tanti ne ha la Benemerita, da quando Vittorio Emanuele I di Savoia, attraverso le Regie Patenti del 13 luglio 1814, istituì il Corpo dei Reali Carabinieri. Da allora, tradizione e innovazione hanno sempre camminato di pari passo e hanno fatto sì che l’Arma non fosse snaturata delle sue funzioni. È rimasta così, per oltre due secoli, sempre vicina ai cittadini con compiti sia civili che militari, impegnata nella tutela dell’ordine pubblico e nella difesa della patria con fulgidi esempi di altruismo e di eroismo. A tal riguardo ritengo doveroso ricordare un fatto non molto conosciuto e che invece merita di essere collocato nella sua giusta dimensione storica. Mi riferisco all’eccidio di Tavenna, avvenuto nel settembre del ‘43, quando le truppe tedesche, in un’azione di rappresaglia, prelevarono due carabinieri, Vincenzo Simone e Giovanni Iuliano, e un civile, Giuseppe Di Lena, per fucilarli. Riuscì a cavarsela solo Iuliano, mentre Simone e Di Lena furono passati per le armi. Dall’eroismo alla quotidianità. Essere carabiniere, ieri come oggi, significa adempiere ad una missione, significa indossare una divisa che ti riempie di orgoglio, che ti fa sentire grande: la grandezza di essere un fedele servitore dello Stato. Alle carabiniere e ai carabinieri molisani o che prestano sevizio nella nostra regione giungano gli auguri miei personali e della Regione Molise che mi onoro di rappresentare".

 

Privacy Policy