Caporalato in Molise: tre indagati dopo la strage dei braccianti

Caporalato in Molise: tre indagati dopo la strage dei braccianti

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

La procura di Larino ha messo sotto inchiesta alcuni operatori del settore agricolo


LARINO. Sono stati iscritti nel registro degli indagati dalla procura di Larino con l’accusa di caporalato: si tratta di tre operatori del settore agricolo, che avrebbero a che fare con i 12 braccianti africani morti nel terribile incidente del 6 agosto scorso tra Lesina e Ripalta, in provincia di Foggia, a pochi chilometri da Termoli.

L’inchiesta, coordinata dal procuratore capo di Larino Antonio La Rana, verte sulle ipotesi di sfruttamento del lavoro e intermediazione illecita. È giro di vite, dunque, sul caporalato in basso Molise, stando a quanto riferito dall’Ansa: le forze dell’ordine sono state invitate a effettuare controlli capillari, onde evitare “speculazioni – ha detto il dottor La Rana all’Ansa - su persone che vivono sul nostro territorio in condizione di estremo bisogno. Ci avvarremo di tutti gli strumenti che la legge ci consente per contrastare questa attività illecita - ha proseguito - Sono già state sensibilizzare le forze dell'ordine per alzare la guardia nel monitorare e reprimere questo odioso fenomeno".

Sette dei dodici braccianti morti lavoravano presso l’azienda agricola ‘Di Vito’ di Campomarino. L’inchiesta della procura molisana procede su un binario parallelo, ma distinto rispetto a quella della magistratura foggiana con il pm Ludovico Vaccaro, competente in quanto l’incidente mortale è avvenuto appunto in territorio pugliese.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale



 

 

Privacy Policy