Emergenza sisma, Borrelli nelle zone terremotate: “Pronti a fronteggiare anche scosse più forti”

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

In visita nelle tendopoli, allestite nei Comuni del Basso Molise, il capo della Protezione civile ha invitato le istituzioni a vigilare e i cittadini a prestare la massima attenzione


GUGLIONESI. Emergenza sisma, il capo della Protezione civile Angelo Borrelli è tornato oggi in Molise, per un sopralluogo nelle zone terremotate. L’elicottero che lo ha condotto in regione è atterrato nel campo sportivo di Guglionesi. Ad accoglierlo i sindaci di Guglionesi Mario Bellotti, di Montecilfone Franco Pallotta e di Palata Michele Berchicci, insieme  ai vertici delle istituzioni regionali, con gli assessori Nicola Cavaliere e Vincenzo Niro e il questore dei Campobasso Mario Caggegi. 

La prima tappa nella tendopoli allestita in paese, per parlare con gli sfollati e con i cittadini che dormono e mangiano nel campo di accoglienza, perché le loro case sono inagibili o perché hanno paura di rientrare nelle loro abitazioni. Poi il primo briefing nel centro operativo di Palata, con il governatore Donato Toma e il prefetto di Campobasso Maria Guia Federico. 

Una visita che segue quella di due giorni fa in Prefettura a Campobasso, nella quale Borrelli ha garantito il sostegno del Governo e della Protezione civile al Molise e ai territori danneggiati dalle scosse.

Il capo della Protezione civile ha poi ribadito quello che aveva detto l’altro giorno a Campobasso: “Non possiamo escludere nuove scosse, anche più forti. C’è il terremoto, il terremoto non è prevedibile – ha quindi rimarcato - ci sono queste scosse, gli esperti dicono che è aumentata la probabilità che ci possa essere una scossa ancora più forte, regoliamoci di conseguenza. Questo è il messaggio che deve passare".

Da qui l’appello, condiviso con il governatore Toma e il prefetto Federico, ad allestire campi di accoglienza per la popolazione. E ai cittadini, a non dormire in casa se le abitazioni sono danneggiate o non sono in grado di resistere a scosse importanti. 

Quindi il chiarimento sullo stato di emergenza. “Il presidente della Regione, Donato Toma, sta preparando la relazione per la richiesta dello stato di emergenza – ha detto Borrelli - Appena pronta, porterò la dichiarazione al Presidente del Consiglio dei Ministri e al Consiglio dei ministri".

C.S.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale https://www.facebook.com/groups/522762711406350/

 

 

Change privacy settings