Isernia, microspie per truccare l’esame della patente: arrivano le assoluzioni

Isernia, microspie per truccare l’esame della patente: arrivano le assoluzioni

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Cadute le accuse nei confronti di Giovanni Crolla e Vincenzo Giordano finiti sotto processo perché ritenuti responsabili di aver utilizzato degli apparecchi per suggerire le risposte a un candidato



ISERNIA. Esame regolare e nessun ‘trucco’. Lo ha stabilito il tribunale di Isernia che ha assolto Giovanni Crolla e Giovanni Giordano, entrambi assistiti dall’avvocato Costantino D’Angelo del Foro di Campobasso.  I due erano finito sotto processo perché ritenuti responsabili di aver utilizzato un apparecchio audio-trasmettitore collegato ad una ricetrasmittente per suggerire le risposte contenute nel questionario a un candidato durante la seduta d’esame per il conseguimento della patente di guida, presso la Motorizzazione Civile di Isernia.

Secondo l’accusa, l'apparecchiatura era stata trovata addosso al candidato. Per questo venne immediatamente sottoposta a sequestro dalla polizia giudiziaria che, sempre nell'immediatezza del fatto, aveva proceduto con perquisizione e contestuale sequestro di un’altra apparecchiatura rinvenuta e ben occultata nell'auto dell'autoscuola che veniva usata per accompagnare i candidati presso la sede dell’esame.

Il legale di Crolla e Giordano ha basato la sua linea difensiva sul fatto che le apparecchiature, al momento del controllo di polizia, non solo non erano funzionanti, ma non erano neppure collegate tra di loro.  D'Angelo ha dimostrato in udienza che tra il candidato ed i suoi assistiti non è stata accertata alcuna comunicazione in atto, quindi non potevano essere suggerite le risposte. Per questo ha chiesto l'assoluzione perché "il fatto non sussiste e gli imputati non lo hanno commesso". Il giudice all'esito della lunga camera di consiglio ha assolto gli imputati così come richiesto dal difensore, riservando il deposito della sentenza ad altra data.

Giovanni Crolla, soddisfatto della sentenza, ha evidenziato ancora come “l'omonima autoscuola lavori con professionalità, serietà e nel rispetto delle regole, con l'unico scopo di dare ai propri ‘allievi’ la miglior formazione possibile sia sotto l'aspetto teorico che pratico per la conduzione dei veicoli”.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale 

Privacy Policy