Università e test d’ingresso: il Tar dà ragione a una studentessa molisana

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Potrà iscriversi a Medicina provenendo da una facoltà equipollente. La soddisfazione degli avvocati Iacovini e Fiorino, che hanno assistito la ragazza


CAMPOBASSO. E’ ufficiale: il Tar Lazio ha consentito ad un’altra studentessa molisana di potersi iscrivere alla facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Roma ‘La Sapienza’ provenendo da una facoltà equipollente, senza l’obbligo di dover sostenere i relativi test di ingresso.

Soddisfazione della studentessa assistita dagli avvocati Vincenzo Iacovino e Vincenzo Fiorini con la collaborazione di Giuseppe Fabbiano.


“Bisogna tener presente - dichiarano i legali – che in questo momento le università lamentano una carenza di posti negli anni accademici successivi al primo, addirittura pari circa a 7000 posti vacanti, con la conseguenza che se non si pone rimedio in qualche modo a tale problema si potrebbe arrivare tra qualche anno ad una grave carenza di medici”.

Si tratta di un’ulteriore pronuncia positiva per lo studio legale che consolida la propria esperienza davanti ai vari Tar di tutto il territorio nazionale con successo.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale 

 

Change privacy settings