Spacciavano droga in carcere: 7 arresti. Gli stupefacenti nei pacchi mandati dai familiari ai detenuti

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

L'operazione, denominata 'Pacco free' questa mattina all'alba. Decine di perquisizioni nelle celle e nei bagni


LARINO. Droga in carcere, maxi operazione in Molise, Abruzzo e Lazio, dei carabinieri di Campobasso e della Polizia penitenziaria di Larino, con il supporto dei carabinieri di Roma e Chieti e con l’utilizzo dei cani antidroga.  Gli stupefacenti che arrivavano nel penitenziario di Monte Arcano trovati nei pacchi spediti dai familiari ai detenuti: nei cibi e finanche nelle scarpe.


Sette le misure cautelari emesse dalla Procura di Larino nei confronti di tre italiani e quattro persone di etnia rom. L’accusa a loro carico concorso in spaccio di sostanze stupefacenti aggravato e coordinato. Un’operazione, denominata 'Pacco free', di grande importanza e rilievo mediatico, i cui dettagli sono stati forniti nel corso della prima conferenza stampa del nuovo procuratore di Larino Isabella Ginefra, insieme al procuratore facente funzione Antonio La Rana e al comandante provinciale dei carabinieri di Campobasso Emanuele Gaeta.

Effettuate perquisizioni nelle celle, nei bagni e nei locali comuni. Oltre 40 i militari e gli operatori della Polizia penitenziaria impegnati  nell'operazione. Fantasiosi i metodi utilizzati da alcuni detenuti per reperire la droga e spacciarla in carcere, com’è emerso dall’indagine condotta dal Carabinieri di Larino e dalla Polizia penitenziaria del carcere di Larino. A volte venivano spediti in carcere pacchi postali, contenenti principalmente derrate alimentari, all'interno delle quali venivano occultate sostanze stupefacenti. Altre volte erano i familiari ammessi ai colloqui a portare lo stupefacente, occultato nella carne cotta, sulla persona, negli indumenti intimi, nelle suole delle scarpe o incollato nei lembi dei plichi destinati ai detenuti.

L’indagine, iniziata ad aprile dopo il ritrovamento di oltre 100 grammi di hashish occultati nella suoletta delle scarpe spedite a un detenuto, ha portato poi al sequestro complessivo di 403 grammi di hashish e cocaina, all'arresto in flagranza di 5 persone, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. A queste si sono aggiunte le 7 misure cautelari eseguite all’alba di oggi.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale