Rubano una macchina e fuggono: due uomini arrestati dopo un inseguimento per le vie del Molise

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

I due, accusati di resistenza a pubblico ufficiale e rapina impropria, sono stati individuati dai carabinieri, grazie all’antifurto satellitare dell'auto, e portati in carcere. Solo per miracolo nessun automobilista in transito è rimasto coinvolto da un incidente stradale


TERMOLI. Rubano una macchina nel centro di Termoli e fuggono a tutta velocità per le vie del Molise, col rischio di provocare un incidente. I Carabinieri dell'Aliquota radiomobile della Compagnia di Termoli, questa mattina all’alba, hanno arrestato due sanseveresi di 65 e 29 anni, con le accuse di resistenza a pubblico ufficiale e rapina impropria.

Intorno alle 5 del mattino i due, ‘pendolari del crimine’, si sono impossessati di un’autovettura di grossa cilindrata, dopo aver spaccato il finestrino anteriore sinistro, per darsi subito alla fuga. L’antifurto satellitare ha però messo subito sulle loro tracce due equipaggi dei carabinieri, impegnati in attività di contrasto ai reati predatori, che dopo un inseguimento sono riusciti a intercettare i fuggiaschi e a fermarli al confine con la vicina Puglia.

L’inseguimento, che ha interessato diversi comuni del basso Molise, ha coinvolto anche un altro veicolo, risultato essere quello ‘pulito’ di proprietà di uno dei due ladri, recuperato e sequestrato. Solo per miracolo nessuno degli automobilisti, in transito lungo le strade percorse in quel momento, è rimasto coinvolto in un incidente, che avrebbe avuto sicuramente conseguenze gravi.

I carabinieri sono riusciti a bloccare i due pugliesi nel momento in cui tentavano di smontare il Gps dal veicolo rubato. Il più giovane ha tentato la fuga a piedi nei campi, ma nonostante la strenua resistenza opposta è stato inseguito e bloccato. La macchina rubata, con finestrino del conducente spaccato, è stata restituita al proprietario, allertato dal sistema di allarme. Mentre i due sono stati portati nel carcere di Larino.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

 

 

Change privacy settings