‘Ferrovie da incubo’: la Campobasso-Roma tra le peggiori linee d’Italia

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

E’ all’ottavo posto della lista nera di ‘Pendolaria’. Ma secondo l’indagine condotta da Legambiente in Molise almeno sono aumentati i treni in circolazione: 10 coppie al giorno, come nel 2010



CAMPOBASSO. ‘Ferrovie da incubo’, c’è anche la Campobasso-Roma tra le dieci peggiori linee d’Italia. All’ottavo posto della poco edificante graduatoria di ‘Pendolaria’, l’indagine condotta da Legambiente sulle tratte meno a misura di viaggiatore.

Una conferma per la principale linea ferroviaria regionale, da anni in questa infelice classifica. La linea è complessivamente di 244 chilometri, ma i problemi riguardano in particolare i 75 chilometri sulla tratta tra Campobasso e Roccaravindola, che sono ancora a binario unico non elettrificato.

E’ infatti qui che si registrano i maggiori problemi di lentezza e inadeguatezza del servizio, alla base dei ritardi lamentati dai pendolari. Basti dire che ci vogliono 53 minuti nella tratta tra Campobasso e Isernia, con una velocità media di nemmeno 55 km/h su una linea sostanzialmente vuota. Quando tutto fila liscio. Per non parlare dell’impianto di riscaldamento o di condizionamento che ogni tanto fa cilecca, dei vagoni sovraffollati nei giorni prefestivi o dei guasti che provocano ritardi di ore. Disagi che i viaggiatori conoscono bene. 

Però per l’associazione ambientalista la Campobasso-Roma, rispetto alle altre ‘linee da incubo’, almeno un miglioramento lo raggiunge. Quello dell’aumento del numero di convogli in circolazione, visto che si è tornati finalmente ad avere 10 coppie di treni al giorno, come nel 2010. E altri, come ha annunciato la Regione, devono ancora arrivare. Lo prevede il nuovo contratto con Trenitalia.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

Change privacy settings