Molisani in difficoltà in Venezuela: il Consolato rimpatria madre e 7 figli

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Saranno accolti a Monacilioni, in una casa messa a disposizione dal sindaco. L’impegno delle associazioni per riportarli in regione


CAMPOBASSO. Molisani in difficoltà in Venezuela, il Consolato generale d’Italia di Caracas ha accolto l’appello del Comitato Molise Pro-Venezuela, della parrocchia Santa Maria Assunta di Monacilioni e della comunità del paese e ha disposto il rimpatrio, a proprie spese, dei 7 figli e della madre che hanno il passaporto italiano.

“Non appena termineranno le incombenze burocratiche – hanno chiarito Michele Petraroia e Lidia De Santis, del Comitato ‘Molise pro Venezuela’ e dell’associazione ‘Padre Giuseppe Tedeschi - Manuela ed i suoi ragazzi, ritirati anche da scuola per le forti difficoltà in cui versava la famiglia, potranno raggiungere Roma e da qui essere accompagnati a Monacilioni, in un alloggio individuato grazie all’impegno generoso del sindaco Michele Turro”.

Nei prossimi giorni, con l’aiuto del parroco, Don Mauro Geremia, e della comunità, si provvederà a risistemare l’alloggio reperendo il necessario in termini di arredi, stufa, letti e di quanto serve alla famiglia.

“Il merito per l’accoglimento dell’appello – hanno aggiunto Petraroia e de Santis - va attribuito a Nello Collevecchio, componente del Consiglio Generale degli Italiani all’Estero per il Venezuela e a Michele Castelli, docente universitario a Caracas e rappresentante del Comitato Molise Pro-Venezuela, oltre che Ambasciatore dei Molisani nel Mondo”.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

 

Change privacy settings