Un petardo gli fa esplodere il naso: il cane Peppino sta meglio, ecco come fare per adottarlo

Valutazione attuale: 3 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella inattivaStella inattiva
 

Dopo l’intervento il cane viene medicato e accudito. I volontari dell’Associazione protezione animali di Campobasso ora gli stanno cercando una famiglia disposta a prendersi cura di lui


CAMPOBASSO. Un petardo gli fa esplodere il naso, dopo l’intervento sta meglio il cane Peppino, la cui storia ha fatto commuovere l’Italia. Sottoposto nei giorni scorsi a un intervento di ricostruzione plastica, che i veterinari dello studio medico ‘Pezzuto-Piano’ hanno condotto insieme a una dottoressa di Roma esperta in chirurgia maxillofacciale per animali, Peppe sta ora cercando casa.

A farlo sapere i volontari dell’Associazione protezione animali di Campobasso, che lo hanno trovato, salvato e fatto curare. Dopo che, secondo la ricostruzione fatta dai volontari – sull’accaduto è stata aperta un’indagine – qualcuno gli ha infilato un petardo nel naso, aspettando che esplodesse. Con una crudeltà inaudita. 

“Eccolo qui , alle prese con qualche snack, i soli per cui ha occhi Peppino – il post comparso sulla pagina Facebook dell’Apac - La ferita si sta pian pian cicatrizzando, domani arriverà in farmacia uno spray cicatrizzante che abbiamo ordinato e che velocizzerà ancora di più il processo. Per il momento mangia cibo umido, perché con i punti interni sul palato i veterinari vogliono evitare che i croccantini diano fastidio. È sempre sotto antibiotici, antidolorifici e antiedemigeni”.

Tante le richieste di adozione già arrivate per Peppino, che aveva già scatenato la macchina della solidarietà: 2mila euro i fondi raccolti in pochi giorni, anche fuori dai confini nazionali, per le cure e per l’operazione.

Come chiariscono dall’Apac Peppino è adottabile solo in Molise o nelle regioni del Centro-Nord. “Peppe è la testimonianza di quanti cani vaganti possano incappare in incidenti e gente maligna – hanno spiegato i volontari - Non sappiamo quali saranno le sue esigenze mediche tra due, tre o cinque anni. Adottare un cane già di per sé costituisce una spesa importante e la consapevolezza di doversene prendere cura egregiamente, per il resto della sua vita. Peppe poi avrà ancora di più bisogno di qualcuno disposto a garantirgli qualsiasi esigenza futura, in termini di cure mediche, monitoraggi, eventuale cibo specifico".

"Per quanto Peppe stia migliorando molto dal punto di vista psicologico – hanno aggiunto - avrà bisogno che la sua nuova famiglia sia disposta a farsi consigliare e seguire da un esperto del comportamento canino, per aiutarlo a convivere con le sue paure.  Ricordiamo che è un cane traumatizzato, per cui avrà bisogno di un grande aiuto psicologico”.

Tra l’altro, Peppino non sarà adottabile nell'immediato.  Quando sarà possibile togliere il collare e terminare la terapia antibiotica, il cane andrà in stallo casalingo e sarà vaccinato e sterilizzato.  In quel periodo continuerà a fare controlli medici, per accertarsi di eventuali necessari piccoli interventi, per assestare il risultato della sua operazione.

“Cerchiamo persone che, oltre a voler amare un cane, siano responsabili e consapevoli”, hanno fatto sapere dalla Protezione animali di Campobasso, a cui si potranno mandare le richieste di adozione. Peppino di certo ripagherà chi è pronto a fargli dimenticare la terribile avventura di cui è stato protagonista. Facendolo diventare, per qualche giorno, suo malgrado, il cane più famoso del Molise.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

Change privacy settings