Campobasso, l’imbarazzante incuria di un capoluogo abbandonato

Campobasso, l’imbarazzante incuria di un capoluogo abbandonato

Valutazione attuale: 3 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella inattivaStella inattiva
 

Vandalismo, siringhe usate e discariche a cielo aperto: l’altra faccia della città perbene


CAMPOBASSO. Fango, stracci logori e rifiuti. Odori acri, pungenti, in diverse zone della città. Siringhe usate, panchine e staccionate distrutte, monumenti imbrattati. È, questa, la triste situazione di degrado di alcune zone del capoluogo molisano, specie il parco e la collina San Giovannello e il ponte tra via Pirandello e via San Giovanni, sponda tangenziale, un angolo dimenticato per clochard e tossicodipendenti. Oltre alla staccionata, numerosi gli obiettivi dei vandali, come le panchine del parco e i bagni situati ai piedi della collina.

Diverse sono le segnalazioni pervenute nei giorni scorsi da parte di cittadini e passanti che giornalmente frequentano il luogo. Interviene sulla questione il presidente dell’Associazione San Giovannello, Maurizio Luzzi, che ha allertato della situazione anche la polizia municipale di Campobasso.degrado campobasso 2

“Con amarezza e sconforto – dichiara Luzzi – abbiamo appreso e costatato il danneggiamento vandalico in vari punti della staccionata in legno, da poco ripristinata con spirito di sacrificio e senso civico di appartenenza da parte dei volontari del comitato e associazione San Giovannello, che conduce a monte della Collina dove è situata la Chiesetta, anche essa molto spesso vittima di scritte. Questi – chiosa il presidente – sono fenomeni che colpiscono e si ripetono da anni senza riuscire a contrastarli adeguatamente”.

Ancor più desolante, forse, la situazione nel quartiere Vazzieri. Sporcizia, bottiglie di plastica, scatole vuote, avanzi di cibo e vetri rotti, giacigli di fortuna tra vecchie pagine di un giornale; una vera discarica improvvisata, un tappeto d’indecenza e immondizia da cui spuntano addirittura delle siringhe. Un rischio concreto: di lì a pochi passi, infatti, rimangono i resti abbandonati di ciò che avrebbe dovuto essere un ‘percorso benessere’ per pedoni, con tanto di attrezzi ginnici installati. Per non parlare del continuo passaggio di pedoni, residenti e studenti. Nel ‘parco fantasma’ della tangenziale si dipinge il quadro desolante di un’area lasciata a morire nell’incuria, una vera e propria favela nel centro di una città che, come capoluogo, meriterebbe decisamente più cura.  

Pierre

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

Privacy Policy