Isernia, maestre violente a confronto con il magistrato

Isernia, maestre violente a confronto con il magistrato

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Fissati per domani mattina in tribunale gli interrogatori di garanzia per le due insegnanti accusate di aver maltrattato i bambini in un asilo di Venafro. I genitori valutano la possibilità di costituirsi parte civile


ISERNIA. Bimbi maltrattati all’asilo: sono fissati per domani mattina in tribunale a Isernia gli interrogatori di garanzia per le due maestre allontanate la scorsa settimana dalla scuola dell'Infanzia di Venafro.

Le insegnanti di 49 e 58 anni, finite al centro dell’inchiesta della Squadra Mobile ‘Lasciateli giocare’, saranno ascoltate dal Gip Arlen Picano e avranno la possibilità di raccontare la loro verità al giudice.

Una storia che ha creato profonda indignazione. Le indagini sono state avviate a seguito delle denunce si alcuni genitori e ci hanno consentito di installare all’interno dell’asilo alcune telecamere con cui sono stati documentati gli episodi di violenza: 150 quelli accertati.

A seguito di quanto accaduto, molti dei genitori coinvolti nella vicenda stanno valutando la possibilità di costituirsi parte civile nel procedimento. Alcuni di loro si sono rivolti, infatti, al legale del foro di Campobasso Arturo Messere.

Intanto, in questi giorni, le maestre sono state oggetto di un’autentica ‘gogna’ pubblica, soprattutto attraverso i social. Su Facebook, ad esempio, sono addirittura comparsi dei post con i loro volti e con commenti spesso molto violenti, alcuni dei quali proponevano la pena di morte per entrambe.

 

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale 

Privacy Policy