Gas radon nel tribunale di Isernia: problema risolto

Valutazione attuale: 1 / 5

Stella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Nel giro di pochi giorni si provvederà ad eseguire i lavori di bonifica nel piano seminterrato che ospita l’archivio. L’Arpa Molise, su richiesta del presidente Di Giacomo, provvederà ad eseguire altre analisi all’interno del Palazzo di Giustizia e nelle sedi del Giudice di Pace


ISERNIA. I lavori di bonifica partiranno a breve e, nel giro di qualche giorno, saranno risolte le criticità legate alla presenza di gas radon all’interno dei locali del tribunale di Isernia che ospitano l’archivio.

radon tribunale dentro okLa soluzione è arrivata a seguito della riunione che si è tenuta ieri a Palazzo di Giustizia. Alla luce dei pareri espressi dai tecnici, tra cui il vice presidente dell’Ordine Nazionale dei Geologi Vincenzo Giovine (uno tra i massimi esperti in Italia in materia di radon) e il geologo molisano Domenico Angelone, il presidente del Tribunale Vincenzo Di Giacomo ha dettato i tempi.

Nel giro di un paio di giorni sarà depositata la relazione sullo stato dell’archivio, curata a titolo gratuito dagli esperti qualificati Fortunato Pinelli e Alfonso Davide Pinelli, specializzati in radizioni nucleari. Quindi, dopo le determinazioni di Arpa e Asrem su tale relazione, potranno partire i lavori che verranno eseguiti, a titolo gratuito, dagli operai del Comune. 

I vigili del fuoco procederanno all’aspirazione del gas radon presente nei locali del seminterrato attraverso l’utilizzo di apposite pompe e maschere antigas. Poi sarà consentito l’accesso degli operai per l’apposizione di retine e per l’apertura finestre. A quel punto l’archivio di nuovo accessibile al personale. 

L’Arpa procederà inoltre, sin da subito, agli accertamenti sulla presenza del radon anche negli altri ambienti del Palazzo di Giustizia a mezzo dei dosimetri a propria disposizione e salva l’acquisizione di dosimetri ulteriori. Gli accertamenti verranno poi estesi anche agli Uffici del Giudice di Pace della provincia di Isernia, diretti sempre dal presidente Di Giacomo.

Il presidente del Tribunale ha espresso il suo ringraziamento per l’immediata soluzione del problema a tutti i tecnici presenti, tra i quali i Responsabili Arpa Cerrone e Cristofaro, il responsabile Asrem Simeone, l’ingegnere Zotti dei Vigili del Fuoco, la dottoressa Zarrillo per la Prefettura, il Sindaco D’Apollonio e l’ingegnere Ricchiuti per il Comune di Isernia, il R.S.P.P. architetto Di Florio, il R.L.S. signora Valiante ed il medico competente Kniahynicki, oltre che alle organizzazioni sindacali, al dottor Marino al signor D’Ascenzo ed all’ingegnere Gianfrancesco, alle R.S.U. ed al presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati Carugno.

“Un particolare ringraziamento ha sottolineato infine Di Giacomo - anche al vice-presidente dell’Ordine Nazionale dei Geologi Giovine ed al dottor Angelone, nonché agli esperti qualificati che hanno offerto il loro contributo a titolo gratuito ai fini dell’immediata soluzione del problema, nel superiore interesse dell’Ufficio e di questo territorio”.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale 

Change privacy settings