Pistola in faccia al detenuto, l'associazione Antigone: è il clima instaurato da Salvini

Valutazione attuale: 1 / 5

Stella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

L’ASSOCIAZIONE ANTIGONE: EPISODIO GRAVISSIMO. Patrizio Gonnella, presidente di Antigone, interviene in merito ai fatti accaduti ieri a Campobasso. “Episodio quanto mai grave e stigmatizzabile. Apprezziamo l'iniziativa del Capo del Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria che prontamente ha avviato gli accertamenti necessari sul fatto e un'eventuale azione disciplinare nei confronti dell'agente della polizia penitenziaria coinvolto. L'inqualificabile atteggiamento dell'agente di polizia penitenziaria è la testimonianza più chiara ed evidente del clima di terrore e di allarme sociale frutto della politica giustizialista del governo italiano e delle sue recenti norme sulla ‘sicurezza’.

antigone patrizio gonnella

 

Atteggiamenti che tra l'altro contrastano con un clima di più esteso controllo 'umano' ampiamente gestito all'interno del carcere di Campobasso, nel quale anche Antigone cura quotidianamente in corretta sinergia con la direzione della struttura di detenzione, un proficuo lavoro di monitoraggio sulle condizioni e sui diritti dei detenuti: rappresentando l'operato encomiabile dei vertici e del personale della Casa di Reclusione di Campobasso, Antigone Molise da tempo ne auspica la sua totale riforma, posto che la vetustà della struttura e la mancanza di spazi minimi di risocializzazione, determinano continue tensioni che possono sfociare, come accade spesso in episodi drammatici. Ogni profilo di responsabilità penale e disciplinare sarà da parte nostra oggetto di accertamento nelle sedi appropriate presso la Procura della Repubblica”.

 

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

 

 

Change privacy settings