Soppresse le fermate davanti alle fabbriche. Manzo: “A piedi in cinquanta per andare a lavoro”

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

A partire da lunedì 11 marzo l’Atm non sosterà più davanti alle aziende della zona industriale di Atessa. L’esponente del M5s chiede alla Regione di trovare subito una soluzione


CAMPOBASSO. “Da lunedì prossimo circa 50 lavoratori molisani che ogni giorno si recano nel nucleo industriale di Atessa non avranno più il servizio di trasporto pubblico fino alla loro azienda”. A segnalarlo è la portavoce del M5s Patrizia Manzo, che punta il dito contro il grave disservizio che rischia di crearsi.

A partire dall’11 marzo, infatti, l’At, società che gestisce il servizio di trasporti, assicurerà una sola fermata davanti alla Sevel, sopprimendo le fermate davanti alle altre aziende della zona industriale. In questo modo, i lavoratori delle altre aziende dovranno provvedere da soli a raggiungere il posto di lavoro, che dista fino a 10 chilometri.

“A questo punto la Regione – ha rimarcato Manzo - avrebbe due strade percorribili: pagare l'Atm per il servizio all'interno del nucleo industriale o sincronizzare l'arrivo di tutti gli autobus davanti alla Sevel e prevedere una sorta di cambio, con un unico mezzo che percorrerà gli ulteriori 10 km accompagnando tutti gli altri lavoratori. Quest'ultima potrebbe essere una scelta ragionevole da percorrere, però, con la partecipazione di tutte le parti sindacali coinvolte”.

“Siamo di fronte all'ennesimo braccio di ferro – ha aggiunto la consigliera pentastellata - tra un'azienda di trasporto pubblico e la Regione: ognuno avrà le proprie ragioni, ma chi pagherà le conseguenze saranno ancora una volta i molisani, gli operai, i pendolari che pur di restare a vivere in Molise hanno deciso di percorrere ogni giorno tanti chilometri per raggiungere il posto di lavoro".

“In attesa di un nuovo bando per l'affidamento del servizio a un unico gestore, una vicenda che ci trasciniamo dal 2011 tra ricorsi, sentenze, interrogazioni e dibattiti consiliari, la Regione potrebbe cominciare a fare una cosa: razionalizzare – ha precisato Manzo - Finché non si definisce una nuova rete dei servizi minimi sui flussi di traffico, finché non si passa allo studio dei costi, a un piano economico e finanziario, fino al nuovo bando, la razionalizzazione diventa prioritaria. Consentirebbe, infatti, di risparmiare fondi su tratte percorse da più di una società, rivedendo il costo dei flussi in entrata e cercando di garantire il servizio ai tanti molisani che si recano nel nucleo industriale di San Salvo”.

“Sarebbe una delle soluzioni a breve termine – ha concluso Manzo - per scongiurare la notizia di questi giorni, che metterebbe in seria difficoltà i lavoratori molisani che ogni giorno si recano in Val di Sangro. Auspico che l'assessore Niro si faccia carico di questo dramma denunciato dalle organizzazioni sindacali, in rappresentanza di tutti quegli operai che attendono una risposta.”

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

Change privacy settings