False attestazioni per avere il permesso di soggiorno: stranieri denunciati dalla Polizia

False attestazioni per avere il permesso di soggiorno: stranieri denunciati dalla Polizia

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Avevano dichiarato finti rapporti di lavoro e redditi per continuare a beneficiare dei diritti di cittadinanza. Decine di sanzioni per chi ha destinato immobili a migranti, senza dichiararlo all’autorità di pubblica sicurezza


CAMPOBASSO. Permessi di soggiorno e diritti di cittadinanza, la Polizia di Campobasso, dopo indagini sui documenti presentati all’Ufficio Immigrazione della Questura, ha denunciato numerosi cittadini stranieri per falso in atti presentati a pubblici ufficiali, attestanti false residenze, false dichiarazioni di ospitalità e falsi rapporti di lavoro e redditi, allo scopo di ottenere il rinnovo del permesso di soggiorno in precedenza rilasciato per motivi umanitari.

Elevate inoltre decine di sanzioni, per la violazione dell’art. 7 del D. Lgs 286/1998 (Testo Unico Immigrazione), a carico di proprietari di immobili (per lo più italiani) o affittuari, che avevano concesso in godimento appartamenti a cittadini stranieri senza farne comunicazione entro 48 ore all’Autorità locale di Pubblica sicurezza.

I controlli a tappeto della Polizia sui documenti prodotti ha consentito di appurare le falsità (con le conseguenze penali per chi forma e/o utilizza atti materialmente od ideologicamente falsi) e di respingere le richieste di permesso di soggiorno, con contestuale sequestro penale della documentazione.

Un fenomeno emerso, degno di attenzione, è quello di numerosi sudamericani che fanno richiesta di cittadinanza nel nostro Paese, documentando falsi rapporti di parentela con cittadini italiani, nonché di abitare in comuni della Provincia di Campobasso. Una volta ottenuta la cittadinanza, richiedono il passaporto italiano, liberi di muoversi nel territorio dell’Unione europea e di beneficiare dei sussidi economici previsti dalla legge italiana.

Sono stati sollecitati i Comuni della Provincia ad effettuare ripetuti controlli sulla effettiva permanenza nel territorio di competenza, per impedire il propagarsi di tali illegittimità.

Nei giorni scorsi, inoltre, personale della Squadra Mobile ha effettuato una serie di controlli presso diverse attività commerciali di Campobasso e dei paesi limitrofi.

Dalle verifiche effettuate e dall’esame della documentazione richiesta, sono state riscontrate una serie di anomalie, nonché la mancanza di alcune autorizzazioni necessarie per lo svolgimento delle attività commerciali controllate. Elevate, pertanto, varie sanzioni amministrative per un importo di oltre mille euro.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

 

Privacy Policy