Isernia, traffico di cocaina dalla Puglia: incastrati gli 11 pusher che gestivano lo spaccio in città

Isernia, traffico di cocaina dalla Puglia: incastrati gli 11 pusher che gestivano lo spaccio in città

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Sette persone sono finite in carcere, due sono state confinate ai domiciliari, mentre per altre due è stato disposto l’obbligo di dimora. Tutti i dettagli dell’inchiesta ‘White Rabbit’ messa a segno dalla Squadra Mobile. GUARDA IL VIDEO E LA FOTOGALLERY



di Deborah Di Vincenzo

ISERNIA. “Ci vediamo per un caffè o un aperitivo”, “portami il documento”, “prepara lo spumantino” . Sono solo alcune delle frasi in codice decriptate dai poliziotti e utilizzate dagli spacciatori isernini e pugliesi incastrati dalla Squadra Mobile nell’ambito dell’inchiesta ‘White Rabbit’.

Una lunga e complessa attività di indagine quella che ha consentito di chiedere e ottenere dal gip del tribunale pentro Michaela Sapio le undici ordinanze di custodia cautelare scattate alle prime ore dell’alba di oggi. Sette persone sono finite in carcere, due sono state confinate ai domiciliari, mentre per altre due è stato disposto l’obbligo di dimora. Smantellato in tal modo il traffico di cocaina che arrivava nelle piazze del capoluogo pentro da Lucera e che ha fruttato ai pusher circa 120mila euro.

I dettagli dell’operazione sono stati illustrati nel corso della conferenza stampa che si è tenuta in Procura. All’incontro con i giornalisti hanno partecipato il procuratore capo Carlo Fucci, il sostituto procuratore Alessandro Iannitti (titolare del fascicolo), il questore Roberto Pellicone e il dirigente della Squadra Mobile Luigi Vissicchio.

A mettere gli inquirenti sulle tracce degli spacciatori è stata un’attenta attività di monitoraggio del territorio, che si è concentrata in particolare nei quartieri di San Lazzaro e San Leucio. In tal modo sono state individuate due coppie di rom e un altro pusher che, in sostanza, detenevano il controllo dello smercio di droga in città. Poi attraverso le attività tecniche, corroborate da numerosi servizi di osservazione controllo e pedinamento, si è riusciti a scoprire l’attività di spaccio, in particolar modo di cocaina, ma anche di eroina. Non soltanto. Si è accertato che alcuni dei pusher residenti a Lucera rifornivano gli spacciatori isernini. Tra gli arrestati anche un cantante neomelodico.

Privacy Policy