Droga, armi e botti illegali: raffica di denunce e sequestri nell’Isernino

Droga, armi e botti illegali: raffica di denunce e sequestri nell’Isernino

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

I Carabinieri tracciano il bilancio dei controlli eseguiti nel corso del fine settimana per prevenire e contrastare qualsiasi tipo di reato nel capoluogo pentro e in provincia



ISERNIA. Raffica di denunce e sequestri a Isernia e in provincia nel corso dei controlli attuati dai Carabinieri sul territorio per prevenire e contrastare qualsiasi forma di reato e garantire massima sicurezza a cittadini e automobilisti.

sequestro petardi CCI militari della Compagnia di Isernia hanno intimato l’alt ad un’auto su cui viaggiavano quattro persone Qualcosa nel comportamento degli occupanti del veicolo li ha insospettiti e, per questo, hanno eseguito accertamenti più approfonditi. Nel corso della perquisizione è stato rinvenuto dell’hashish insieme a materiale per il confezionamento delle dosi.

Dalle risultanze investigative i militari hanno deciso di estendere la perquisizione anche presso i rispettivi domicili dei sospettati. Nell’abitazione di uno di loro è stato trovato del cobret e armi bianche non regolarmente denunciate.

Inoltre, i Carabinieri hanno denunciato all’Autorità Giudiziaria il conducente, perché si è rifiutato di sottoporsi ad accertamenti per rilevare lo stato di alterazione psicofisico, mentre per tutti e quattro è scattata una segnalazione alla competente Prefettura per detenzione di stupefacenti per uso personale. La droga e le armi sono state sottoposte a sequestro.

I militari del locale Nucleo Operativo e Radiomobile, invece, durante il servizio, sono stati allarmati da rumori provenienti da una zona del centro isernino. Arrivati sul posto, hanno scoperto che una persona aveva fatto esplodere dei petardi senza autorizzazione. I Carabinieri hanno esteso l’ispezione al veicolo dell’uomo, rinvenendo ulteriori petardi privi di qualsiasi indicazione e contrassegno di fabbricazione. Per tali motivi i militari lo hanno denunciato per il reato di fabbricazione e commercio di materiale esplodente, mentre il materiale è stato sequestrato.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale 

Privacy Policy