Omicidio Pecorelli, a ‘Le Iene’ spunta la pista legata allo Ior

Omicidio Pecorelli, a ‘Le Iene’ spunta la pista legata allo Ior

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

La sorella del cronista di Sessano del Molise chiederà alla Procura di ascoltare Ettore Gotti Tedeschi, dopo le dichiarazioni rilasciate nel servizio di Antonino Monteleone sul caso David Rossi. GUARDA L'INTERVISTA



SESSANO DEL MOLISE. Esiste qualche legame tra lo Ior e l’assassinio del giornalista di Sessano Del Molise Mino Pecorelli? Vuole saperlo la sorella Rosita che, tramite il suo avvocato Walter Biscotti, chiederà alla Procura di Roma di ascoltare l’ex presidente della banca del Vaticano Ettore Gotti Tedeschi a seguito delle dichiarazioni rilasciate di recente a ‘Le Iene’ sul giallo legato alla morte di David Rossi.

Nel corso di una prima intervista, all’ex presidente dello Ior sono state fatte domande su quattro conti correnti che sarebbero stati aperti presso la banca del Vaticano e che sarebbero riconducibili a uomini della Fondazione Mps. “Credo che fosse vero”, ha risposto Gotti, ipotizzando che si trattasse di ‘tangenti’. In una seconda intervista Gotti ha affermato di essersi “sempre rifiutato di vedere i conti. Non era mio compito – ha dichiarato –. Il mio incarico era attuare le necessarie procedure per fare trasparenza e mi fu anche detto di lasciare stare la curiosità naturale di guardare di chi sono i conti”. E’ poi spuntato il nome del giornalista molisano, assassinato a Roma nel marzo del1979. Un omicidio che, a distanza di 40 anni, resta ancora avvolto nel mistero e per il quale, di recente, sono state riaperte le indagini.

“Si ricorda perché è morto? Ha messo le mani su che cosa? Sui nomi. Vada a rileggersi i giornali dell’epoca. E vada a riflettere, cioè, se lei sa dei nomi e li dice nel modo sbagliato, alla persona sbagliata e questi nomi potrebbero non gradirlo, avere un segreto è un’arma a doppio taglio. Se lei è forte le permette di influenzare gli altri. Se lei è debole o decide di essere debole... lei è morto". Queste le dichiarazioni di Gotti Tedeschi, che non sono certo sfuggite a Rosita Pecorelli. La parola passa ora alla Procura, che dovrà valutare il da farsi.

GUARDA L’INTERVISTA A ‘LE IENE’

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale 

Privacy Policy