Malattie tempo dipendenti, il Tar respinge il ricorso. Il Forum: faremo appello

Malattie tempo dipendenti, il Tar respinge il ricorso. Il Forum: faremo appello

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

La sentenza pubblicata oggi, il Tribunale Amministrativo Regionale ha ritenuto compatibile la nuova organizzazione con il Programma operativo 2015-2018


CAMPOBASSO Il Tar Molise ha respinto il ricorso del Forum per la sanità pubblica contro il Decreto del commisario ad acta n. 47 sulle reti tempodipendenti, ritenendo compatibile la nuova organizzazione con il Programma operativo 2015-2018 che già aveva previsto la riduzione dei posti letto negli ospedali pubblici in favore dei centri privati.

La sentenza è stata pubblicata oggi. Il Tar ha ritenuto non essere provato il “nesso eziologico” tra i decessi (come il tragico caso Cesaride di Larino) e la contestata organizzazione delle reti tempo dipendenti, il cui accertamento è rimesso ad altri organi.

I legali del Forum preannunciano che sarà proposto appello.

“Il Tar non ha minimamente vagliato l’assoluta anomalia dell’attuale organizzazione, che ha previsto la concentrazione di tutti i posti letto di neurochirurgia in una struttura privata geograficamente periferica e non baricentrica, sprovvista di Pronto Soccorso, nella quale i pazienti possono essere ricoverati soltanto ‘in regime di elezione’, ossia in modo programmato e previo assenso della struttura stessa. Allo stesso modo, non è stato proprio preso in considerazione l’incremento della mobilità passiva per la prevista remunerazione delle prestazioni tempo dipendenti extrabudget, oltre i limiti di spesa contrattualmente assegnati, ancora di recente censurata dal Tavolo tecnico secondo quanto riportato dagli organi di stampa ma ignorata dal Giudice Amministrativo. Il tutto senza che la Asrem abbia reso noti gli esiti dei controlli interni disposti sui recenti tragici decessi di pazienti affetti da malattie tempo dipendenti né le ragioni per le quali non sia stato possibile ricoverarli nei centri privati regionali".

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

Privacy Policy