Lo scambia per il vigilino che l'ha multato e lo massacra di botte: caccia all'aggressore

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

L'episodio a Campomarino, vittima un operatore della differenziata di 54 anni. Si cerca un pregiudicato pugliese


CAMPOMARINO. Una violenza cieca, brutale e, soprattutto, più che mai inutile. Un equivoco, che ha visto Luca Bottardi, 54enne operatore di una ditta che si occupa di raccolta differenziata a Campomarino, trovarsi al posto sbagliato al momento sbagliato. L'uomo, di origini lombarde ma da anni residente a Campomarno, è stato scambiato per un ausiliare del traffico da un pregiudicato pugliese, che ha pensato bene di aggredirlo alle spalle e massacrarlo di botte in quanto presunto 'responsabile' di avergli fatto una multa. Bottardi, in realtà, stava lavorando con un tablet in mano facendo foto nelle vicinanze della macchina dell'uomo, con indosso la divisa d'ordinanza. Motivazioni sufficienti per far scattare il vile gesto del pregiudicato, che lo ha fatto cadere a terra riempiendolo di pugni in faccia, senza dargli neppure il tempo di spiegare che non era lui. Non era lui il vigilino, l'ausiliare del traffico che, in ogni caso, aveva solo fatto il suo lavoro. Un episodio inquietante, avvenuto in pieno giorno, nel pomeriggio di ieri. L'aggressore, dopo essersi sfogato, è entrato in un'abitazione poco vicino, come se nulla fosse successo. A toglierlo di dosso al malcapitato, alcuni passanti. Bottardi ha rimediato la frattura del canale uditivo, come riporta 'Primonumero', e varie ferite al volto e al torace, oltre a una serie di escoriazioni. Sull'accaduto indagano i carabinieri, che avrebbero individuato il responsabile come un individuo già noto alle forze dell'ordine. Sono attesi sviluppi nelle prossime ore.

 

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

 

aggressione, ,

Change privacy settings