Finte assicuratrici nella rete della polizia, denunciate per truffa online rischiano fino a 3 anni di carcere

Finte assicuratrici nella rete della polizia, denunciate per truffa online rischiano fino a 3 anni di carcere

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

La Squadra Mobile di Isernia ha rintracciato due donne, una di 58 e l’altra di 31 anni, entrambe di origini campane, che hanno tratto in inganno una giovane del capoluogo pentro


ISERNIA. Rischiano fino a tre anni di reclusione due donne denunciate dalla Squadra Mobile di Isernia perché considerate responsabili di una truffa online.

Una 58enne e una 31enne, entrambe di origini campane, si sono finte operatrici di una compagnia assicurativa, hanno stipulato un fittizio contratto di polizza, intascando il premio per poi sparire nel nulla. Almeno fin quando non sono state rintracciate dalla polizia.

Le indagini hanno preso il via dalla denuncia della vittima, una giovane del capoluogo pentro che, visionati vari preventivi in materia di polizze auto su un sito specializzato, dopo aver lasciato il proprio numero, era stata contattata da un fantomatico agente assicuratore di zona.

Per la stipula del contratto annuale per l’autovettura della donna, una Smart, era stato concordato il prezzo per il competitivo importo di poco meno di 500 euro.

La giovane aveva pagato l’intera quota del premio, mediante accredito su presunto IBAN dell’agenzia, ricevendo sulla propria mail copia del contratto.
La malcapitata, tuttavia, avvedendosi di un errore nell’estremo della targa, aveva provato a ricontattare l’operatore telefonico indicato nel contratto per ottenere una correzione dei dati del veicolo, senza però riuscire a parlare con alcuno.

I poliziotti hanno così scoperto un espediente molto ingegnoso e nuovo utilizzato dalle due malfattrici: le stesse avevano, infatti, richiesto l’attivazione di un servizio (tramite apposito sito internet) a pagamento di assegnazione automatica e temporanea di un numero telefonico di rete fissa localizzato, ossia con prefisso di note città italiane capoluogo di provincia.
Avevano poi apposto artatamente la citata utenza fissa sullo pseudo contratto di assicurazione, come prova dell’esistenza dell’ufficio customer care della compagnia assicurativa, chiaramente estranea ai fatti.

L’utenza, una volta contattata, smistava la chiamata all’utenza mobile rilasciata dalle donne al momento dell’attivazione del predetto servizio, che rimane sconosciuta a chi effettua la chiamata.

Le indagini hanno consentito di accertare che l’IBAN su cui la vittima aveva effettuato il pagamento era in realtà il codice della Postepay di una delle indagate.

Le due dovranno ora rispondere di concorso nel reato di truffa e rischiano da sei mesi a tre anni di reclusione.

 

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale  

Privacy Policy