Operaio Fiat muore schiacciato da una pressa. Gli operai di Termoli: pronti allo stato di agitazione

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

La tragedia questa notte, nello stabilimento di Cassino. Rilanciato il tema della sicurezza sui posti di lavoro 


TERMOLI. Operaio Fiat muore mentre stava lavorando in fabbrica, schiacciato da una pressa. La tragedia è avvenuta questa notte, allo stabilimento Fca di Cassino e la vittima è un 40enne della zona, da poco spostato al reparto presse a freddo, dove ha trovato la morte. Perché questo sia avvenuto lo stabilirà l’inchiesta, aperta dalla Procura di Cassino, che indaga per omicidio colposo.

Sull’accaduto la denuncia del Soa, il Sindacato operai autorganizzati e della Flmuniti Club di Fca di Termoli, e la solidarietà degli operai Fiat dello stabilimento molisano, che hanno espresso cordoglio e vicinanza alla famiglia del collega.

“Anche alla Fca di Cassino – il loro messaggio - tanta cassaintegrazione, dal reparto montaggio il collega operaio Fabrizio faceva fatica ad andare avanti. Da poco tempo era stato spostato al reparto presse a freddo, reparto ancora in produzione. Questa notte ha trovato la morte sul terzo turno, verso le 3. Il collega operaio era intento ad agganciare uno stampo, quando sarebbe rimasto travolto, rimanendo ucciso sul colpo”.

“Mentre Fca è intenta a caricare cassa integrazione e a sciorinare piani industriali fantasma – hanno aggiunto sindacati e lavoratori - c'è chi continua a subire e vergognosamente dentro uno stabilimento. E questa notte per un operaio è arrivata la morte. La vita non può essere barattata dai numeri. Siamo pronti con lo stato di agitazione”.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale