Amori malati e vicinato molesto: spuntano pure riti vudù

Amori malati e vicinato molesto: spuntano pure riti vudù

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Cinque persone, tra cui una coppia di coniugi e due stranieri, denunciate per stalking dalla polizia con la procedura prevista dal Codice Rosso


ISERNIA. Cinque persone, tra cui una coppia di coniugi e un 31enne straniero, finiscono nei guai a Isernia per il reato di stalking. Tutte protagoniste, a vario titolo, di episodi molesti, in cui si è reso necessario l’intervento degli agenti della Squadra Mobile.

Un primo caso riguarda marito e moglie responsabili di minacce e ingiurie verso l’ex coniuge di lui, perpetrate finanche dinanzi ai figli minori.
L’attività d’indagine, svolta dagli investigatori, ha consentito di riscontrare come la coppia inviasse, tramite social network, messaggi offensivi alla ex compagna dell’uomo e che si abbandonasse ad aggressioni verbali nei confronti della stessa e dei suoi figli ogni qualvolta si incontravano in strada e presso il posto di lavoro di lei.
Ai due è stato contestato il reato di atti persecutori in concorso.

Il secondo caso riguarda una donna 50enne della provincia pentra: gli agenti hanno accertato che questa inviava ripetuti messaggi all’attuale fidanzata del suo ex compagno, contenenti insulti e minacce. Non paga di ciò, si era presentata più volte sotto casa della donna e dei parenti della stessa, costringendola a cambiare ripetutamente abitudini di vita e ad andare a dormire dalla madre, evitando di uscire da sola o di frequentare locali abitualmente frequentati dalla stalker. La 50enne è stata denunciata per atti persecutori.

Un terzo episodio riguarda uno straniero 31enne, sempre della provincia, che non si rassegnava alla conclusione di una storia d’amore con una connazionale.
Telefonava ripetutamente alla donna, ex convivente, e non aveva esitato a introdursi nella sua abitazione (di cui aveva ancora le chiavi) di notte, minacciando di farla sottoporre a un rito vudù se non avesse riallacciato la relazione sentimentale e seguendola nei suoi spostamenti quotidiani. Anche per lui i poliziotti hanno formulato l’accusa di stalking.

L’ultimo caso riguarda le offese e le minacce reiterate da parte di un 30enne nei confronti di due coniugi, suoi vicini di casa, residenti nel centro storico di Isernia. La coppia era destinataria di minacce e ingiurie urlate finanche dal balcone, per futili motivi. Le azioni moleste – hanno accertato gli agenti - avevano cagionato un grave stato di ansia e di paura, specie nella signora, la quale si era vista costretta a non uscire più senza compagnia, a chiudersi dentro casa a chiave e a rincasare presto la sera.
Al vicino molestatore, di origini straniere, è stato notificato l’avviso di conclusione delle indagini per stalking e minacce.

 

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale 

Privacy Policy