La verità dell’Azienda sanitaria sulla morte di Michele Vitantonio

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

L’Azienda sanitaria apre un’inchiesta interna, parallela alle indagini della Procura di Larino, per contribuire a fare chiarezza sul caso del 56enne di Ripalimosani deceduto per le ferite riportate a seguito della caduta da un albero



CAMPOBASSO. Stava raccogliendo le olive in un appezzamento di terreno sito a Guardialfiera, ma la caduta da un albero gli è stata fatale. È morto così, per le ferite riportate e dopo il ricovero in ben due ospedali, Michele Vitantonio, 56enne di Ripalimosani.
Sul caso la Procura di Larino ha aperto un’inchiesta, iscrivendo nel registro degli indagati i proprietari dell’uliveto dove l’uomo stava lavorando e disponendo l’autopsia sul suo corpo.
L’Asrem, che intende collaborare con gli organi inquirenti per fare luce sull’accaduto, ha deciso di avviare altresì un’indagine interna, dal momento che Vitantonio, prima di essere trasferito presso la Casa Sollievo dalla Sofferenza di San Giovanni Rotondo, dove è deceduto, è stato stabilizzato al Cardarelli di Campobasso.
“Il paziente – riferisce l’azienda sanitaria regionale – è giunto in codice rosso, trasportato dal 118, presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale Cardarelli di Campobasso con diagnosi d politrauma. Qui, in considerazione della gravità del trauma vertebrale cervicale riportato a seguito della caduta e dei conseguenti severi danni neurologici caratterizzati da tetraplegia e shock spinale, veniva immediatamente sottoposto agli accertamenti clinici e strumentali necessari per chiarire la sede e l’entità delle lesioni e, intubato e stabilizzato clinicamente, trasportato in continuità di soccorso, previ accordi presso la Rianimazione del Dea di II Livello dell’ospedale Casa Sollievo dalla Sofferenza’ di San Giovanni Rotondo cui giungeva la sera del 28 ottobre stesso (giorno dell’incidente, ndr)”.
L’Asrem si riserva di fornire ogni altra informazione utile alle indagini alle autorità competenti.

 

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

 

Change privacy settings