La storia non si dimentica: Campobasso al funerale del suo concittadino Piero Terracina

La storia non si dimentica: Campobasso al funerale del suo concittadino Piero Terracina

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Con il capogruppo del M5s Antonio Vinciguerra. Solo pochi giorni fa la consegna dell’onorificenza, a lui e alla senatrice a vita Liliana Segre, rimasta tra i pochi testimoni dell’Olocausto



CAMPOBASSO. Era stato proclamato cittadino onorario di Campobasso solo pochi giorni fa. Il Comune di Campobasso ha partecipato, con il capogruppo del M5s Antonio Vinciguerra, al funerale di Piero Terracina, uno degli ultimi superstiti del capo di stermino di Auschwitz, morto ieri a 91 anni a Roma.

La cerimonia si è svolta davanti alla Sinagoga, al Portico d’Ottavia. Poi rito funebre nel cimitero israelitico del Verano, davanti alla lapide che ricorda i 2091 ebrei romani vittime delle deportazioni naziste.

Bellissimo il ricordo che Liliana Segre, proclamata cittadina onoraria di Campobasso insieme a Piero Terracina, ha fatto di lui. “Piero era un fratello, bisogna aver condiviso per capire – le sue parole - Sono molto pessimista per il futuro, pian piano la storia verrà dimenticata. È più bello dimenticare le cose brutte”.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

 

Privacy Policy