Inchiesta sui migranti, fissata l’udienza preliminare: il 29 gennaio tutti gli indagati davanti dal giudice

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Venticinque le persone coinvolte, tra cui anche il sindaco di Sant’Agapito e il suo tecnico comunale, nell’operazione ‘Welcome to Italy’, messa a segno due mesi fa dalla Guardia di finanza e dalla polizia di Cassino


ISERNIA. Si terrà il 29 gennaio prossimo l’udienza preliminare a carico dei 25 indagati nell’ambito dell’operazione ‘Welcome to Italy’, messa a segno lo scorso 23 ottobre dalla Guardia di finanza e dalla Polizia di Cassino, al culmine della maxi inchiesta sull’accoglienza migranti condotta dalla Procura del centro ciociaro.

Il mese scorso, i pm titolari del fascicolo Alfredo Mattei e Luciano D’Emmanuele hanno chiesto il rinvio a giudizio delle persone coinvolte.
I reati contestati vanno dall’associazione a delinquere, alla corruzione di dipendenti pubblici, dall’estorsione alla truffa ai danni dello Stato, oltre a frode in pubbliche forniture e abuso d’ufficio.

Ora si va davanti al gup, che deciderà se avviare un processo a carico di tutti gli indagati, anche quelli con addebiti minori, oppure se procedere con l’archiviazione.

Nello specifico, Di Pilla e il responsabile dell’ufficio tecnico del Comune di Sant’Agapito sono accusati, in concorso, di aver proceduto all’assegnazione del progetto Sprar sul territorio comunale alla cooperativa ‘La Casa di Tom’, in cambio dell’assunzione di tre persone, tra cui stretti familiari, per importi complessivi di 18.896 euro, 32.385 euro e 15.382 euro cadauna.

Il tutto si sarebbe concretizzato con l’affidamento diretto del servizio dal 2014 ad oggi, “senza la preventiva consultazione di almeno cinque operatori economici […] – recita l’ordinanza del gip - e comunque non rispettando i principi di economicità, efficacia, imparzialità, parità di trattamento, trasparenza, proporzionalità”. Inoltre, è contestato loro il mancato invio e la mancata conservazione della documentazione obbligatoria inerente alle spese sostenute, comprensive di quelle relative al personale, al Servizio Centrale dello Sprar, al fine di consentire i controlli a campione a cura del Servizio stesso.

 

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

Change privacy settings