Muore dopo aver investito un cinghiale. La Coldiretti: agricoltori autorizzati a sparare tutto l’anno

Muore dopo aver investito un cinghiale. La Coldiretti: agricoltori autorizzati a sparare tutto l’anno

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Per abbattere gli animali che devastano le coltivazioni sui propri terreni. La proposta della confederazione per risolvere un problema che sta diventando una questione di pubblica incolumità



CAMPOBASSO. “Quello che temevamo purtroppo si è verificato”. Questo il commento amareggiato e sgomento del delegato confederale di Coldiretti Molise, Giuseppe Spinelli, per la morte del 49enne, sposato e padre di tre figli, deceduto dopo 13 giorni di rianimazione, perché finito fuori strada con la propria auto, all’alba del 22 dicembre scorso, sul tratto tra Montenero di Bisaccia e San Salvo, nel tentativo di evitare l’impatto con un cinghiale.

Incidenti analoghi si registrano, purtroppo, sempre con maggior frequenza in varie regioni, ma il fatto che il numero di sinistri, causati da cinghiali, sia sempre più elevato anche in Molise, regione con una densità di popolazione molto più bassa rispetto al resto d’Italia, la dice lunga su quanto sia sproporzionato il numero di ungulati rispetto agli abitanti. Del resto, anche le numerose battute di caccia, nel corso di una delle quali pochi giorni fa ha perso la vita un cacciatore, non sono sufficienti a diminuire il numero di questi animali, che la fanno ormai da padroni su tutto il territorio.

“Sono mesi – ha dichiarato Spinelli – che chiediamo al presidente della Regione, Donato Toma, e all’assessore all’Agricoltura, Nicola Cavaliere, di intervenire e trovare subito una soluzione al problema tanto letale per l’economia quanto pericolosissimo per l’incolumità delle persone, visto che questi animali entrano ormai indisturbati nei centri abitati e spesso aggrediscono agricoltori a lavoro nei propri campi”.

In tutti questi mesi l’impegno di Coldiretti non si è fermato alla semplice denuncia del problema, ma è stata presentata una proposta di legge regionale, scritta sulla falsariga di quella approvata dalla Regione Marche, che consenta agli agricoltori, muniti di regolare licenza di caccia ed armi adeguate, di poter abbattere i cinghiali nel proprio fondo nel corso di tutto l’anno. Un modo per permettere agli imprenditori di proteggere i loro campi dalla devastazione dei cinghiali, abbassandone nel contempo il numero.

“Il tempo delle promesse – ha concluso Spinelli - è finito. Non è più possibile temporeggiare celando il problema dietro una normativa nazionale, che non consente l’abbattimento di cinghiali al di fuori del periodo di caccia o ne limita il numero di esemplari da abbattere. Siamo difronte a un’emergenza che rischia di dare il colpo di grazia all’economia regionale e mina il diritto dei cittadini di potersi muovere in sicurezza nell’ambito del territorio. La Regione deve intervenire subito e senza esitazione”.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

 

Privacy Policy