Vicky ripescata in fondo al mare: prima di morire aveva provato a uscire dall’auto?

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Le riposte sulle cause della morte arriveranno dall’autopsia, in programma per la prossima settimana. Intanto la Procura di Larino, che coordina le indagini, ha interrogato il compagno della donna, sentito come persona informata sui fatti


TERMOLI. Vicky Bucci è morta annegata? O le cause del decesso della 42enne ripescata in fondo al mare, insieme alla sua auto, sono altre? La risposta arriverà dall’autopsia, che il professore Francesco Introna, direttore dell’Istituto di Medicina legale di Bari, eseguirà la prossima settimana. Un esame che consentirà di dare le risposte che il corpo della sfortunata donna, ripescato ieri mattina in avanzato stato di decomposizione, ha fornito solo in parte.

Un corpo trovato incastrato tra i due sedili anteriori, con le gambe puntate verso il parabrezza. Forse la donna avrebbe voluto sfondarlo per provare a uscire dall’abitacolo e liberarsi? O la posizione è dovuta all’urto dell’auto sul fondale del porto di Termoli, dove la macchina della donna, una Panda rossa, si era inabissata?

Domande sulle quali stanno lavorando gli investigatori, i carabinieri di Termoli e i poliziotti della Scientifica, coordinati dal procuratore capo di Larino Isabella Ginefra e dal sostituto Marianna Meo, che intanto hanno ascoltato la testimonianza del compagno di Vicky, un 56enne di Termoli ascoltato come persona informata sui fatti e non come indagato.

L’uomo si è recato in Procura accompagnato dal fratello. I due, ha chiarito il loro avvocato, Ruggiero Romanazzi, hanno fornito una ricostruzione ampia, in grado di far luce sulle ultime ore di vita di Victorine Bucci, che a quanto pare avrebbe lasciato la casa dell’uomo intorno alle 5.30 del mattino del 18 dicembre. Intorno alle 6 del mattino una telecamera di sorveglianza di un circolo nautico privato ha ripreso l’immagine di una macchina rossa, si presume la Panda di Vicky, entrare nell’area del molo. E non tornare indietro. Da allora più nessuna notizia della donna, fino al tragico ritrovamento sotto il mare.

Disperati i familiari della donna, che ora aspettano risposte. E aspettano l’autopsia per celebrare i funerali. L’ultimo saluto a Vicky.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

Change privacy settings