Isernia, ‘inferno’ al Pronto Soccorso: si lavora con il lutto al braccio

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Riesplode la protesta di medici, infermieri e operatori per una situazione ormai diventata insostenibile per effetto della carenza cronica di personale



ISERNIA. Carenza cronica di personale e un Pronto Soccorso ormai al collasso. Una situazione divenuta insostenibile per chi, seppur tra mille difficoltà, lavora senza sosta per dare la dovuta assistenza ai pazienti.

E così medici, infermieri e operatori del reparto dei Emergenza del ‘Veneziale’ di Isernia da questa mattina hanno indossato una fascia nera al braccio, in segno di lutto e di protesta, per lo stato in cui versala struttura e, più in generale, la sanità pubblica molisana.

Hanno voluto così esprimere il loro disagio, senza però creare problemi all’utenza e continuando a garantire assistenza a chi arriva in Pronto Soccorso.

Al contempo è stata avvertita la direzione sanitaria, alla quale è stata comunicata la situazione che si sta vivendo, ormai ingestibile. Basti pensare che, solo nella giornata di ieri, c’erano 40 ricoverati nel reparto.

Al momento si è in attesa di un confronto con i vertici dell’Asrem.

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, invia al numero 3288234063 un messaggio con scritto “ISCRIVIMI”. Ricordati di salvare il numero in rubrica! Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale 

 

Change privacy settings