Disagi in ospedale: l’ambulatorio accetta solo contanti, donna incinta salta la visita

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Un cittadino esasperato scrive una lettera nella quale si sfoga per quanto vissuto al Cardarelli



CAMPOBASSO. Una lettera anonima, firmata ‘un cittadino che paga le tasse’ e diffusa dall’associazione Cittadinanzattiva, racconta di un disagio vissuto da una coppia di coniugi all’ospedale Cardarelli di Campobasso. L’oggetto della disavventura è una visita che doveva effettuare la donna, incinta di 5 mesi, in ambulatorio tramite intramoenia. Di seguito il testo integrale della missiva.

“In data 04 febbraio, intorno alle 15.00, insieme alla mia fidanzata, mi reco alla sede Asrem a Tappino per fare una visita in ambulatorio tramite intramoenia. Arrivato il nostro turno, leggiamo su un cartello che si accettava solo pagamento in contanti. Lo stesso cartello lo avevamo letto anche 2 mesi fa, ma la risposta di allora era stata che il disguido era momentaneo.

Al ché ho chiesto delucidazioni, facendo presente che non avevo contanti ma solo carta di credito e che sarebbe stato il caso che l’azienda si fosse dotata di pos, visto che oramai è presente ovunque. L’impiegata mi consiglia di prelevare al vicino atm, ma la carta di carta di credito in mio possesso non permette di fare nessun prelievo di contanti. Dopo aver fatto presente anche questa cosa, mi consiglia di parlare con la Direzione Sanitaria.
Mi informo allo sportello ticket ubicato nella stessa sala all’entrata, e mi informano che loro sono provvisti di pos perfettamente funzionanti e che il problema riguarda solo l’intramoenia. Mi reco immediatamente al secondo piano, e finalmente, dopo tanto peregrinare fra stanze chiuse, riesco a trovare la dott.ssa G.I., seduta in una stanza con fuori il cartello “Direzione Amministrativa – Segreteria”.

Le spiego il problema e faccio presente che ero impossibilitato a pagare in contanti poiché avevo solo carta di credito e che avrei dovuto fare una visita importante. La risposta della dott.ssa è stata che non sapeva cosa dirmi, era un problema che non la riguardava e che avrei dovuto inventarmi qualcosa per risolvere il problema. Ho provato ad insistere senza risposta, mentre la dott.ssa era totalmente intenta a scrivere al pc senza nemmeno alzarsi o degnarmi di uno sguardo. Sono andato via e ho contattato immediatamente la Guardia di Finanza spiegando il problema. L’addetto è stato molto gentile e paziente ma non è riuscito a risolvere il problema, facendo presente che avrebbe fatto una segnalazione.

Nel frattempo la mia compagna, stanca perché al quinto mese di gravidanza, aspettava sola in un corridoio mentre tutte le altre persone le passavano davanti per la visita visto che senza la ricevuta di pagamento non poteva farsi visitare. Per tamponare il problema, sono stato costretto a tornare a casa (abito al centro di Campobasso), prendere la carta bancomat, prelevare per poi scappare finalmente a pagare la visita tramite intramoenia. Abbiamo fatto la visita dopo circa 3 ore a causa di tutti questi disguidi.

In tutto questo, oltre a denunciare l’inefficienza della Pubblica Amministrazione che, tra l’altro, non assiste in nessun modo il cittadino, vorrei evidenziare e reputare “vergognoso” la totale superficialità e indifferenza dell’impiegata che avrebbe dovuto quanto meno ascoltare e provare a fare qualcosa. In questo modo il cittadino si trova solo e completamente disorientato. Spero veramente che questo mio intervento scuota le coscienze di chi dovrebbe intervenire”.

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, invia al numero 3288234063 un messaggio con scritto “ISCRIVIMI”. Ricordati di salvare il numero in rubrica! Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale