Coronavirus, la morte non si ferma: 15esima vittima. E ci sono 8 nuovi contagi

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Si tratta di un anziano di 97 anni che proveniva dalla casa di riposo di Cercemaggiore


CAMPOBASSO-ISERNIA. La morte da coronavirus non conosce sosta.

 

E, anche nel giorno di Pasqua, si registra purtroppo la 15esima vittima dall'inizio dell'emergenza, in provincia di Campobasso: da quanto appreso, si tratta di un uomo di 97 anni proveniente dalla casa di riposo di Cercemaggiore, divenuta uno dei principali cluster da coronavirus in Molise. L'uomo, lo scorso 6 aprile, era stato portato in ambulanza dall'ospedale di Larino, dove si era positivizzato dopo un primo tampone negativo, a quello di Venafro, insieme ad altri pazienti provenienti dalla medesima casa di riposo di Cercemaggiore. Ma le sue condizioni si erano aggravate richiedendone, dopo qualche giorno, un altro trasferimento al Cardarelli di Campobasso, dove oggi è avvenuto il decesso, come confermato dal direttore generale Asrem Oreste Florenzano.

Il bollettino dell'Azienda sanitaria del Molise delle ore 11 di oggi fa segnare 8 nuovi contagi, 4 in provincia di Campobasso (tutti nel capoluogo, arrivato così a 80 casi) e 4 in provincia di Isernia (2 a Belmonte del Sannio e 1 a Poggio Sannita, a quanto pare legati al cluster della casa di riposo di Agnone, e 1 a Castelpetroso), per un totale di 259 (50 in provincia di Isernia, 193 in provincia di Campobasso e 14 persone residenti fuori regione).

In Malattie Infettive sono ora 20 i pazienti ricoverati, mentre 4 sono quelli in Terapia Intensiva, lo stesso numero di ieri. Sono invece 171 gli asintomatici a domicilio, 25 i clinicamente guariti: una buona notizia, visto che ieri erano invece 24.

 

 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, invia ISCRIVIMI al numero 3288234063 e salvalo in rubrica!

Change privacy settings