Reddito di cittadinanza, l’avvocato ‘furbetto’ “non è del Foro di Isernia”

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Lo hanno precisato i presidenti dell’Ordine e della Camera Penale Carugno e La Cava



ISERNIA. Non è del Foro di Isernia l’avvocato ‘furbetto’ denunciato qualche giorno fa dalla Guardia di Finanza, perché – si è scoperto – percepiva senza averne diritto il Reddito di cittadinanza.  Lo hanno voluto precisare l’Ordine degli Avvocati e la Camera penale.

“Rendo noto – ha evidenziato il presidente dell’Ordine Maurizio Carugno - che, allo stato, nessuno iscritto all'Albo degli Avvocati di Isernia risulta aver presentato domanda di reddito di cittadinanza. Ad ogni buon conto, stante la genericità delle notizie diffuse, l'Ordine da me rappresentato effettuerà ulteriori verifiche presso le autorità competenti, per avere conferma che trattasi di avvocato appartenente ad altro foro e per eventuali ulteriori provvedimenti di competenza. In ogni caso, a tutela dell'immagine del Foro di Isernia, dinanzi a simile grave condotta, avvertendosi obiettivamente la riportata notizia di cronaca come altamente lesiva dell'onore e della dignità della locale classe forense, esprimo la più viva indignazione e disapprovazione. Auspico in futuro una maggiore attenzione nella comunicazione e diffusione di notizie, in maniera tale da evitare spiacevoli equivoci circa la possibile riconducibilità dei fatti riportati a soggetti diversi da quelli effettivamente responsabili”.

Sulla questione è intervenuto anche il presidente della Camera Penale Francesco La Cava. “Posto che la notizia è altamente offensiva e diffamatoria dell'intera categoria professionale – scrive in una nota -, proprio per la sua genericità, che ha reso gli avvocati della provincia pentra oggetto di ‘caccia al furbetto’; fermo restando l’opportunità della determinazione di dare tale comunicazione agli Organi di stampa prima di qualsiasi pronuncia da parte dell'Autorità Giudiziaria, alla luce del disposto di cui all'art. 27 della Costituzione, si precisa che, da una indagine interna effettuata, nessuno degli Avvocati iscritti alla Camera Penale di Isernia risulta coinvolto nella pubblicata vicenda”.

 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale 

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti 

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, invia ISCRIVIMI al numero 3288234063 e salvalo in rubrica!

Change privacy settings