Marchio contraffatto e certificazioni false: sequestrate 25mila mascherine

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Dalla Guardia di finanza di Termoli, su disposizione della Procura di Larino. Perquisizioni a tappeto in Basso Molise e in altre regioni italiane, per ricostruire la catena di distribuzione dalla Cina


CAMPOBASSO. Operazione ‘Mascarot’, sequestrate 25mila mascherine. L’intervento, disposto dalla Procura di Larino, è stato eseguito dalla Guardia di Finanza di Termoli, che ha sequestro i dispositivi di protezione, tipologia KN95-FFP2 con faslo marchio ‘C E’, che non rispettavano gli standard previsti dalla normativa Europea per l’immissione in commercio.

Tutto è nato dai controlli svolti dalle Fiamme gialle. in alcuni punti vendita al dettaglio del Basso Molise, per accertare eventuali speculazioni sui prezzi di vendita delle mascherine, ritenute beni di prima necessità durante l'emergenza epidemiologica da Covid-19. Da qui i controlli si sono estesi ai distributori in provincia di Pescara e Napoli, che avevano rifornito quei negozi per poi presentarsi, risalendo nella filiera distributiva, all’importatore con sede in provincia di Udine, che ha curato i contatti diretti con i produttori cinesi.

Mediante l’acquisizione della documentazione amministrativo-contabile, la Guardia di Finanza ha portata alla luce una frode in commercio, perpetrata dall’importatore nel pieno dell’emergenza pandemica da Covid-19, attraverso la commercializzazione sul mercato del Basso Molise e di altre Regioni Italiane, di dispositivi di protezione individuali KN95 – FFP2, provenienti dalla Repubblica popolare cinese senza avvalersi della procedura in deroga, con marcatura ‘CE’, che si è rivelata mendace.

La falsa marcatura CE ingenerava infatti nei clienti l’ingannevole convinzione di utilizzare presidi capaci di filtrare con efficacia eventuali agenti patogeni e di garantire, di conseguenza, una maggiore protezione dal rischio di contagio rispetto alle ordinarie mascherine non certificate, giustificando così anche il prezzo maggiorato di questi prodotti. Su disposizione della Procura della Repubblica di Larino, i Finanzieri della Compagnia di Termoli tramite la collaborazione di altri Reparti della Guardia di Finanza, hanno eseguito perquisizioni a tappeto ad Udine, Pescara, Napoli e in tutto il Basso Molise, al fine di recuperare e sequestrare tutte i dispositivi di protezione individuali non idonei alla commercializzazione.

L’operazione svolta delle Fiamme Gialle molisane ha quindi consentito di disarticolare una grande filiera distributiva di dispositivi di protezione individuale non a norma e di denunciare alla competente Autorità giudiziaria per falsificazione dei marchi e frode in commercio l’importatore che alimentava il mercato al dettaglio locale, a dimostrazione del costante impegno profuso nel presidiare il territorio al fine di individuare le imprese che hanno approfittato dell’emergenza sanitaria in corso.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, invia ISCRIVIMI al numero 3288234063 e salvalo in rubrica!

Change privacy settings