Una vita nelle battaglie per i lavoratori, il cordoglio del Molise per la morte di Andrea Gianfagna

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Una figura storica del sindacalismo internazionale. A ricordarlo il segretario della Cgil Paolo De Socio e il coordinatore della Camera del lavoro di Melfi Michele Petraroia


CAMPOBASSO. E’ stato uno dei più dinamici protagonisti delle lotte sociali e politiche del Mezzogiorno.

Il segretario della Cgil Molise Paolo De Socio e il coordinatore della Camera del Lavoro di Melfi Michele Petraroia ricordano la figura di Andrea Gianfagna, fervente antifascista socialista già dal 1944 è impegnato in attività promosse a Campobasso dal Comitato di Liberazione Nazionale. “Una pietra miliare del sindacalismo regionale, nazionale e internazionale”, ha scritto De Socio

Nella sua storia la guida delle lotte contadine per l’occupazione delle terre in Basso Molise, per cui fu anche arrestato e una grande amicizia con Giuseppe Di Vittorio.

Nel 1959 l’impegno a Roma alla Federterra, poi alla Federazione degli Alimentaristi e quindi alla guida della Federbraccianti, mentre nel 1980 è nella delegazione ufficiale della Cgil ai funerali di Pio La Torre, insieme a Lama e Marianetti. Dopo l’esperienza nel Psiup Andrea l’ingresso del Pci.

“Rientrava a Campobasso e in Sezione insieme alla moglie affrancava buste, telefonava, spronava i militanti e incoraggiava tutti - Petraroia lo ricorda così - Per più generazioni di lavoratori, Andrea Gianfagna è stato un riferimento prezioso sia per la sua attività sindacale improntata allo studio meticoloso, alla predisposizione di importanti piattaforme rivendicative e al miglioramento delle condizioni di vita dei lavoratori".

"Andrea era parte di quella generazione temprata dalla lotta al fascismo che ha dedicato la propria vita per far attuare la Costituzione, liberare gli ultimi dai lacci dello sfruttamento e affermare il principio di una dignità non negoziabile del valore del lavoro. La Cgil è stata la sua vita. L’Anpi la sua stella polare. Il Mezzogiorno è stato il suo cruccio - ha concluso Petraroia - Campobasso la sua casa. Custodiamo il suo esempio”.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale 

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti 

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, invia ISCRIVIMI al numero 3288234063 e salvalo in rubrica!

Change privacy settings